Consumi: 5 miliardi di euro per imbandire le tavole delle feste Vince il "made in Italy", ma dalle famiglie scelte più oculate

01/mar/2011 16.52.00 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Consumi: 5 miliardi di euro per imbandire le tavole delle feste
Vince il “made in Italy”, ma dalle famiglie scelte più oculate
 
I primi bilanci elaborati dalla Cia: gli italiani, pur preoccupati delle difficoltà economiche, non hanno rinunciato ai festeggiamenti enogastronomici: più 0,5 per cento rispetto al 2009. Gli acquisti culinari sono stati, comunque, più mirati. Molta attenzione alla spesa. Niente follie. In crescita spumanti e vini nazionali. Bene le vendite in fattoria (più 5 per cento sull’anno precedente).
 
          La crisi scoraggia gli italiani che riducono le spese per i regali delle feste e tagliano i consumi. Ma alla tavola, nonostante la preoccupazione per le difficoltà economiche, non si è rinunciato. Per i pranzi e i cenoni di Natale e Capodanno si è speso, in cibo, circa 5 miliardi di euro. Lo 0,5 per cento in più rispetto alle festività del 2009. Ha vinto ancora una volta la tradizione e le preferenze sono andate anche quest’anno per i prodotti alimentari “made in Italy”. Da parte delle famiglie ci sono state, tuttavia, scelte più oculate Niente follie. Salmone, ostriche, caviale e frutta esotica ancora una volta con il contagocce, anche se si è registrato un lieve incremento rispetto all’anno scorso. E lo spumante ha trionfato sullo champagne. Questo il primo bilancio elaborato della Cia-Confederazione italiana agricoltori, che ha compiuto un’indagine sulla base dell’andamento della compravendita nei vari passaggi della filiera agroalimentare e dei dati relativi al commercio estero.
          Dall’indagine della Cia emerge che gli italiani, sempre più attenti ai conti, proprio a causa di una precaria situazione economica, hanno indirizzato i loro acquisti verso prodotti enogastronomici più “abbordabili” sotto l’aspetto economico. Pochi, quindi, i cibi di “fascia alta”. Si è guardato, invece, molto al prodotto tipico legato al territorio.
Molta attenzione da parte degli italiani -annota la Cia- è stata rivolta anche ai tantissimi mercatini che sono stati allestiti dagli agricoltori nei giorni delle feste, in particolare nelle zone rurali, o nelle aziende agricole (dove si è registrata una crescita delle vendite del 5 per cento rispetto allo scorso anno). Oltre all’acquisto dei prodotti di qualità, tipici e legati al territorio, si risparmia tra il 10 e il 15 per cento.
È andata molto bene per lo spumante: sono state stappate -afferma la Cia- circa 95 milioni di bottiglie nazionali, con un aumento, in quantità, del 2,5 per cento rispetto al 2009 e con una spesa complessiva di circa 900 milioni di euro (il 2 per cento in più nei confronti dello scorse festività).
Le tavole delle feste hanno anche rilanciato il vino “made in Italy”: più di 85 milioni le bottiglie stappate, oltre il 95 per cento di produzione nazionale. Una salutare “boccata d’ossigeno” -conclude la Cia- per un settore condizionato ancora da molti problemi, con una flessione dei consumi domestici, sia in volume sia in valore, che ha caratterizzato l’andamento dell’anno appena trascorso.
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl