Comunicato diossina

Comunicato diossina Diossina: fare giuste verifiche e controlli, ma senza alimentare l'effetto psicosi che negli ultimi anni è già costato all'agricoltura italiana un danno da oltre 5 miliardi di euro La Cia ribadisce che i nostri prodotti sono sicuri e di qualità.

Allegati

01/set/2011 13.32.49 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Diossina: fare giuste verifiche e controlli, ma senza

alimentare l´effetto psicosi che negli ultimi anni è già costato

all´agricoltura italiana un danno da oltre 5 miliardi di euro

 

La Cia ribadisce che i nostri prodotti sono sicuri e di qualità. L’indicazione d’origine in etichetta è un’effettiva garanzia. E’ auspicabile che il Parlamento approvi entro breve la legge sull’etichettatura per tutti gli alimenti.

 

Giusto mettere in campo tutte le forze  per i controlli e le verifiche sulla eventuale presenza di diossina negli alimenti. Tutte le tutele per i consumatori sono imprescindibili, ma il caso dei prodotti tedeschi, soprattutto uova, contaminati da diossina non deve minare la sopravvivenza economica di chi produce qualità in Italia, la nostra agricoltura e l’intero sistema agroalimentare. Tra allarmi Bse, aviaria, diossina e “mozzarella blu” il mondo agricolo italiano ha già contato perdite per oltre 5 miliardi di euro . Ad affermarlo è la Cia-Confederazione italiana agricoltori che ricorda come tutti gli allevamenti nel nostro Paese mantengono un alto standard qualitativo e che le importazioni dalla Germania sono poche e ben tracciate.

Questa nuova vicenda, spinta da inutili e dannosi allarmismi, rischia -prosegue la Cia- di causare disorientamento tra i consumatori. Un effetto psicosi, che appare oggi oggettivamente infondato, provocherebbe un danno incalcolabile per il settore primario che già vive una congiuntura particolarmente negativa.

In Italia non c´è alcun pericolo, mentre i nostri allevamenti -ribadisce la Cia- sono sicuri e sottoposti a rigidissimi controlli e le produzioni dei produttori italiani sono di qualità e seguono un disciplinare molto rigoroso. Non solo. L’indicazioni d’origine, che  è d’obbligo per carne, uova, pollame, olio d’oliva, latte fresco, miele e ortofrutta, è una garanzia molto importante e permette di fare celte oculate.

Oltretutto -avverte la Cia- i mangimi che utilizzano gli allevatori nazionali sono selezionati e sono verificati quotidianamente da parte delle stesse autorità competenti. I nostri animali vengono, insomma, analizzati dettagliatamente fin dal primo giorno di nascita e per l´intero periodo di allevamento. Per le nostre produzioni, dunque, non deve esserci alcun timore.

Anche quest´ultima vicenda -conclude la Cia- pone l´esigenza dell´estensione dell´indicazione d´origine in etichetta per tutte le produzioni. E questo è uno strumento fondamentale che garantisce sia i consumatori che gli stessi produttori agricoli. Quindi, è auspicabile che il Parlamento nei prossimi giorni possa varare definitivamente la legge sull’etichettatura con l’obbligo dell’indicazione d’origine.

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl