Diossina: basta agli allarmismi ingiustificati. A pagare è solo l'agroalimentare. Servono un'informazione chiara e controlli rigorosi

Basta agli allarmismi ingiustificati e "gonfiati" da assurde campagne mediatiche che creano solo psicosi tra i cittadini, rischiando di provocare un crollo verticale dei consumi.

01/dic/2011 14.51.17 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Diossina: basta agli allarmismi ingiustificati. A pagare è solo l’agroalimentare. Servono un’informazione chiara e controlli rigorosi
 
La Cia teme che la psicosi dell’emergenza esplosa in Germania possa avere riflessi sui comportamenti alimentari dei consumatori italiani. Il governo deve intervenire con precisi chiarimenti, mentre va tenuta alta l’attenzione e la vigilanza da parte delle autorità competenti. I prodotti “made in Italy” sono sicuri e l’etichetta d’origine è un’importante garanzia.
 
Basta agli allarmismi ingiustificati e “gonfiati” da assurde campagne mediatiche che creano solo psicosi tra i cittadini, rischiando di provocare un crollo verticale dei consumi. Sarebbe un vero disastro per migliaia di imprenditori agricoli, trasformatori e commercianti. A pagare sarebbe solo ed unicamente l’intero settore agroalimentare italiano. E’ quanto sottolinea la Cia-Confederazione italiana agricoltori, esprimendo preoccupazione per gli sviluppi che potrebbe assumere la vicenda dei prodotti (uova e carne di maiale) contaminati da diossina in Germania
Serve -afferma la Cia- un’informazione più chiara e responsabile da parte di tutti. Il governo, in particolare, deve intervenire con precisi chiarimenti, mentre va tenuta alta l’attenzione e la vigilanza da parte delle autorità competenti. I controlli devono essere rigorosi. Dobbiamo evitare il ripetersi di vicende come la Bse, l’aviaria, l’influenza suina, la “mozzarella blu”, che hanno avuto effetti deleteri per un settore che già vive un momento di grande difficoltà. I prodotti “made in Italy” sono sicuri e l’etichetta d’origine, che presto diventerà obbligatoria per tutti gli alimenti, è un’importante garanzia. 
D’altra parte in pochi anni, cioè da quando esplose il caso della Bse (nel 2001), sono andate in fumo moltissime risorse economiche che potevano essere destinate allo sviluppo e alla crescita, non solo dell’apparato agroalimentare. Un danno enorme -sottolinea la Cia- che continuerà a far sentire i suoi effetti negativi per ancora molto tempo. La diossina in Germania corre il pericolo di diventare l’ultimo anello di una serie di emergenze alimentari, frutto di notizie allarmistiche prive di qualsiasi fondamento.
Basta ricordare che nel nostro Paese -sostiene la Cia- i casi di aviaria riscontrati sono stati pressoché nulli e che per la Bse è stata messa in piedi una macchina tra controlli, verifiche e interventi che ha da subito sgombrato il campo da eventuali contaminazioni. Stesso discorso per la mozzarella di bufala: sono stati sufficienti poco meno di quindici giorni di allarmismi e di speculazioni per causare -rimarca la Cia- una situazione drammatica per gli allevamenti, per i caseifici, per tutta la catena commerciale. La psicosi diffusa tra la gente si è trasformata in un’onda devastante.
Oltretutto le ultime emergenze alimentari -ricorda la Cia- non sono state affatto provocate dalla nostra agricoltura: sono venute da lontano e per molte di esse non si è avuto il neppur minimo riscontro nel nostro paese. Dunque, un vero boomerang che si è abbattuto con una violenza inaudita sull’apparato produttivo-commerciale.
 
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl