comunicato stampa

comunicato stampa COMUNITA' MONTANA DEL CASENTINO: INCONTRO CON LE CATEGORIE ECONOMICHE E LE PARTI SOCIALI Si è svolto ieri martedì 18 Gennaio l'incontro tra il Presidente della Comunità Montana del Casentino e i rappresentanti delle categorie produttive e le parti sociali per affrontare alcuni temi fondamentali per lo sviluppo e il futuro della montagna come l'Unione dei Comuni e la Legge Finanziaria della Regione Toscana.

Allegati

19/gen/2011 14.00.51 ufficio stampa casentino Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

 

 

 

COMUNITA’ MONTANA DEL CASENTINO:

INCONTRO CON LE CATEGORIE ECONOMICHE E LE PARTI SOCIALI

 

 

 

Si è svolto ieri martedì 18 Gennaio l’incontro tra il Presidente della Comunità Montana del Casentino e i rappresentanti delle categorie produttive e le parti sociali per affrontare alcuni temi fondamentali per lo sviluppo e il futuro della montagna come l’Unione dei Comuni e la Legge Finanziaria della Regione Toscana.

Il Presidente dell’ente montano, Sandro Sassoli, ribadisce “ è di vitale importanza lavorare in un clima di massima collaborazione per capire quali sono le priorità da perseguire perché dal 2012 le risorse saranno azzerate. Insieme dobbiamo decidere le priorità del nostro territorio in termini di servizi e su queste basi costruire il futuro assetto istituzionale. L’input che viene dalla Regione Toscana è l’Unione infatti nella legge finanziaria si legge che nell’anno 2011 le risorse regionali destinate all’incentivazione delle gestioni associate sono concesse unicamente alle unioni dei comuni, aventi popolazione non inferiore a diecimila abitanti o costituite da almeno cinque comuni, sulla base della legge regionale n. 40 del16 Agosto 2001”.

I rappresentanti intervenuti concordano tutti sulla necessità di un confronto, di una maggiore partecipazione, sulla necessità di vedere il Casentino nella sua unitarietà e di affrontare insieme, ognuno per le sue competenze, il processo di cambiamento in atto, valorizzando al massimo gli aspetti positivi al fine di evitare i rischi di sfaldamento e di perdita di una identità comune, quella casentinese.

“Chiediamo un unico interlocutore - commenta il rappresentante di Confindustria Patrizio Valentini - che abbia un continuo confronto con le categorie economiche”. Preoccupazione è stata espressa invece da Adelmo Baracchi, rappresentante di Confcommercio, che ribadisce “Se non c’è unitarietà di soggetti tutto diventa difficile. Dovremmo rimboccarci le maniche e metterci intorno a un tavolo. Bisogna  fare un’unione che sia subito operativa. Oggi è già tardi”. Il rappresentante della Uil Vittorio Baroncini sottolinea come sia necessario “ comprendere le priorità perché tutti siamo costretti a tagliare. Fondamentale è seguire l’interesse di tutto il territorio e non del singolo comune affinché non prevalgano interessi particolari”. Una svolta chiede Fabrizio Barberini, rappresentante della Cna.

“Se non c’è un disegno socio politico del territorio -  sostiene Marco Rossi della Cgil - diventa quasi impossibile. La Regione Toscana offre al territorio di scegliere noi dobbiamo dare ai sindaci un input ed io dico: mettete tutto insieme  aggregando il più possibile i servizi per migliorarne la qualità e aumentare i risparmi. La risposta istituzionale potrebbe essere tutti insieme mentre quella economica individuare i problemi e chiedere risposte a favore degli investimenti”.

Il Presidente della Comunità Montana commenta favorevolmente questa prima seduta e invita tutti i soggetti ad ulteriori appuntamenti mentre il progetto dell’Unione dei Comuni continua il suo percorso con incontri che si svolgeranno nei prossimi giorni.

 

Ufficio stampa Cmc 0575.507245

.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl