Suini: allevatori sempre più in difficoltà . Prezzi in caduta e costi alle stelle. Molte aziende a rischio chiusura. Ora anche l'Ue corre ai ripari

Ora anche l'Ue corre ai ripari.

25/gen/2011 12.03.33 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Suini: allevatori sempre più in difficoltà. Prezzi in caduta e costi alle stelle. Molte aziende a rischio chiusura. Ora anche l’Ue corre ai ripari
 
La Cia chiede al governo interventi concreti che diano risposte concrete ai produttori. Subito un Piano nazionale e la convocazione del Tavolo di filiera.
 
Anche l’Unione europea si è accorta finalmente della pesante crisi che sta attraversando il settore suinicolo in tutti i paesi Ue. A Bruxelles è, infatti, emerso l’orientamento per l’apertura nelle prossime settimane di un ammasso privato di suini. La Cia-Confederazione italiana agricoltori (che condivide le forti preoccupazioni espresse a livello comunitario dal Copa-Cogeca) è da anni che sollecita una nuova e più efficace politica per superare una situazione di estrema difficoltà, con gli allevatori pressati da problemi sempre più complessi e impossibilitati a svolgere un’adeguata attività imprenditoriale.
Un quadro che soprattutto in Italia ha assunto -rileva la Cia- dimensioni drammatiche. E non è un caso che da tempo vengono chiesti al governo interventi realmente concreti che diano risposte concrete agli allevatori suinicoli italiani. Molti allevamenti, oberati da pesantissimi costi di produzione e alle prese con prezzi in caduta libera (sempre più vicini all’euro al chilogrammo e inferiori a quelli corrisposti nel 2008), sono a rischio chiusura, mentre il nostro Paese è sempre più invaso da prosciutti e salami stranieri.
Il Piano per il settore suinicolo -ricorda la Cia- era stato annunciato dall’allora ministro delle Politiche agricole Luca Zaia quasi all’inizio del suo mandato e a fino ad ora non ha ancora visto la luce. Nel frattempo, la situazione per le imprese di allevamento suinicolo è certamente peggiorata. Basti pensare ai problemi del credito che stanno mettendo in grave difficoltà molte aziende, pregiudicandone lo sviluppo futuro.
La Cia chiede, quindi, la convocazione del Tavolo della filiera suinicola che devo portare alla rapida definizione da parte delle istituzioni di interventi concreti a favore degli allevatori suinicoli. Considerando anche il fatto che essi costituiscono la base della filiera di molte produzioni di qualità del nostro “made in Italy” alimentare esportate nel mondo.
 
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl