Istat: migliora il clima di fiducia ma i consumi alimentari restano al palo

22/feb/2011 15.07.41 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Istat: migliora il clima di fiducia, ma i consumi alimentari restano al palo
 
Secondo la Cia il maggiore ottimismo dei consumatori sulla situazione economica del Paese, segnalato a febbraio dall’Istituto nazionale di statistica, non incide sul carrello della spesa. Dopo un 2010 negativo (meno 0,6 per cento),gli acquisti domestici alimentari sono stimati in lieve calo anche nel 2011, tra il meno 0,2 e il meno 0,3 per cento.
 

Il miglioramento del clima di fiducia dei consumatori a febbraio non incide sui consumi alimentari, che restano al palo anche nel primo scorcio del 2011. Lo afferma la Cia-Confederazione italiana agricoltori, commentando i dati diffusi oggi dall’Istat.
Il maggiore ottimismo sul futuro della situazione economica del Paese e della famiglia segnalato dall’Istituto nazionale di statistica -spiega la Cia- è un bel segnale di ripartenza, dopo due anni di crisi nera, ma non coinvolge il carrello della spesa. Gli italiani restano attenti a risparmiare sul cibo (e sul tipo di supermercato), tanto che una vera ripresa dei consumi alimentari non arriverà prima del 2012.
Quest’anno invece la situazione resta stazionaria -osserva la Cia-. Nel 2011 gli acquisti domestici alimentari sono stimati ancora in lieve riduzione, tra il meno 0,2 e il meno 0,3 per cento, con una flessione della domanda più marcata nel Mezzogiorno che nel resto d’Italia.
Una previsione che segue il trend del 2010, quando i consumi agroalimentari hanno subito un calo complessivo dello 0,6 per cento. Un risultato che è frutto -ricorda la Cia sulla base dei dati Ismea- della contrazione della domanda domestica di carni bovine (meno 4,4 per cento), prodotti ittici (meno 3,1 per cento), vini e spumanti (meno 2,9 per cento) e frutta e agrumi (meno 1,8 per cento). Sembra positivo invece il dato delle quantità acquistate di olio d’oliva (più 3 per cento) e derivati dei cereali (più 0,7 per cento), mentre gli altri comparti (latte e derivati, ortaggi e patate, carni avicole, carni suine e salumi) mantengono una sostanziale stabilità.
In più, sempre nel corso del 2010, circa il 30 per cento dei consumatori si è rivolto quasi esclusivamente alle “promozioni” commerciali, che sono sempre più frequenti soprattutto nella Grande distribuzione. Ed è anche aumentata la percentuale di famiglie (il 10 per cento) che ha acquistato prodotti agroalimentari presso gli hard-discount, dove la spesa è a prezzi più che contenuti.
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl