8 marzo: l'impresa agricola "in rosa" non cede ai colpi della crisi

8 marzo: l'impresa agricola "in rosa" non cede ai colpi della crisi.

03/lug/2011 14.37.29 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
8 marzo: l’impresa agricola “in rosa” non cede ai colpi della crisi
 
Donne in Campo della Cia sottolinea la tenuta dell’azienda al femminile (una su tre titolari), come evidenziato anche dall’ultimo Rapporto dell’Unioncamere. A livello mondiale una maggiore presenza di “agricoltrici”, come rileva la Fao, può garantire più produzione e, quindi, più cibo per i paesi poveri.
 

Le imprese “in rosa” resistono alla crisi economica. Nell’ultimo anno, infatti, le titolari donne di aziende individuali sono rimaste stabili in valore percentuale, con una quota pari al 29,2 per cento del totale dei titolari. In pratica, uno ogni tre imprenditori è donna. E proprio nell’agricoltura, che è tra i settori dove maggiormente si registra la presenza di imprenditoria femminile, oggi oltre 250 mila aziende sono condotte da donne. Basti pensare che agli inizi degli anni Settanta erano solo 19 su 100. Ma non solo imprenditrici contro la crisi: se nei paesi più poveri del pianeta si favorissero uguali opportunità di accesso alla terra alle “agricoltrici” come ai colleghi uomini, come affermato oggi dalla Fao, si potrebbe sviluppare più agricoltura sostenibile e contribuire così alla lotta alla fame nel mondo. E’ quanto evidenzia l’Associazione Donne in Campo della Cia-Confederazione italiana agricoltori, in occasione della Festa dell’8 marzo, sulla base di recenti dati contenuti nel Rapporto dell’Unioncamere e nell’"Atlante delle donne impegnate in agricoltura".
D’altra parte, osservando la dinamica delle imprese a confronto nel periodo più difficile della recente crisi economica e dei primi segni di ripresa -quello compreso tra giugno 2009 e giugno 2010- il rapporto Unioncamere -sottolinea Donne in Campo-Cia- mette in evidenza come le imprese femminili (1.421.085 in totale) si siano comportate in maniera nettamente migliore di quelle maschili. Nei dodici mesi analizzati, le prime sono cresciute del 2,1 per cento (pari a un saldo di 29.040 unità) a fronte di una crescita negativa (meno 0,4 per cento) di quelle maschili che hanno perso, nello stesso periodo, 17.072 unità. Un trend che viene confermato anche in agricoltura.
Le aziende agricole “rosa” -afferma Donne in Campo- salgono in modo importante specialmente in attività innovative, come, ad esempio, nell’agriturismo, le cui imprese per il 35 per cento del totale sono condotte da imprenditrici. Crescite significative si sono registrate negli ultimi anni anche nel settore biologico, nelle produzioni di “nicchia” Dop e Igp, nell’ortofrutta e nella vitivinicoltura.
La maggior quota di conduttori donne sul totale del mondo agricolo -come rileva l’”Atlante delle donne impegnate in agricoltura"- si trovano in Molise, Campania, Valle d’Aosta e Friuli Venezia Giulia. Di contro nelle province autonome di Bolzano e Trento e in Sardegna e in Lombardia la quota di imprenditrici risulta la più bassa (inferiore al 23 per  cento). Un’analisi in termini assoluti rimarca, comunque, che le donne impegnate come conduttrici di un’azienda agricola sono più numerose in Puglia, Sicilia e Campania.
La presenza delle donne in agricoltura è inferiore (e di poco) solo al settore del commercio, dove si arriva attorno al 30 per cento, mentre vengono doppiate abbondantemente sia l’attività manifatturiera che quella dei servizi
Donne, dunque, sempre più decise e protagoniste della vicenda agricola italiana. Donne che guardano all’impresa con sempre maggiore attenzione, che puntano con caparbietà sulla qualità e sulla tipicità dei prodotti legati al territorio, sulla difesa della biodiversità. Insomma, vere imprenditrici che operano con la dovuta incisività per una competitività reale sui mercati nazionali e mondiali, che fanno dell’innovazione uno strumento indispensabile per crescere e svilupparsi.
La tenuta dell’impresa femminile -afferma Donne in Campo- è, quindi, un dato importante che caratterizza l’imprenditoria “in rosa” come una rete solida e fondamentale del tessuto economico italiano, dove emergono creatività, flessibilità e solidità. Elementi che si riscontrano anche dai dati sull’agricoltura dove, pur in presenza di un calo di aziende, sono proprio le imprese condotte da donne che riescono meglio a contrastare gli effetti negativi della crisi.

______________________________________
Settore Comunicazione e Immagine
CIA- Confederazione italiana agricoltori
Via Mariano Fortuny, n. 20
00196-ROMA
Tel. 06-3227008
Fax 06-3208364
E-mail: cia.informa@cia.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl