Alimenti: bene sequestri Nac, le truffe costano all'agricoltura 3 milioni di euro al giorno

03/ago/2011 13.08.58 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Alimenti: bene sequestri Nac, le truffe costano all’agricoltura 3 milioni di euro al giorno
 
La Cia si complimenta con il Nucleo anti-frodi dei Carabinieri per i risultati raggiunti sul fronte degli illeciti alimentari. Chi sofistica e tarocca i cibi non solo mette a rischio la salute dei consumatori, ma danneggia la credibilità dei produttori onesti che lavorano sulla qualità.
 
 
Le truffe e le sofisticazioni alimentari causano un danno enorme agli agricoltori e ai consumatori. Non solo si ingannano i cittadini, mettendo a rischio la loro salute, ma si mina la credibilità dell’intero settore agroalimentare italiano, conquistata negli anni proprio grazie alla qualità dei suoi prodotti tipici. Ecco perché i risultati dei controlli effettuati dal Nucleo antifrodi dei Carabinieri sono importanti: ora bisogna continuare su questa strada, intensificando gli accertamenti e inasprendo le sanzioni contro chi illegalmente adultera o tarocca il cibo. Lo afferma la Cia-Confederazione italiana agricoltori, commentando gli esiti delle verifiche dei Nac, che hanno sequestrato 23 mila chili di prodotti alimentari non in regola.
In Italia le frodi alimentari sono tante e diffuse -osserva la Cia- e muovono un giro d’affari da ben tre milioni di euro al giorno. Soldi sottratti ai produttori onesti che ogni giorno lavorano su tecniche di produzione ad altissimo standard qualitativo, attestato dalle certificazioni europee come Dop, Igp e Stg.
Solo nel 2009 -ricorda la Cia- ci sono stati oltre 700 mila controlli da parte delle forze dell’ordine (Nas, Icqrf, Corpo forestale, Agenzia delle dogane, Sistema di allerta comunitario, Capitanerie di porto, Carabinieri per le Politiche agricole e alimentari), con un totale di 41 milioni di chili di merci sequestrate per un valore economico di 145 milioni di euro.
In più, nel primo semestre del 2010 i sequestri effettuati dai Nas sono cresciuti già del 40 per cento, per un totale di oltre 10 milioni di confezioni di generi alimentari “taroccate” ritirate dal commercio, con un incremento del valore del cibo confiscato che sale a 71 milioni di euro.
Per tutti questi motivi -conclude la Cia- adesso è ora di usare “tolleranza zero” nei confronti di chi sofistica e inquina gli alimenti, rendendo sempre più rigorosi i controlli e “salate” le sanzioni. Non lo chiedono solo gli agricoltori ma anche i cittadini. Per nove consumatori su dieci, infatti, proprio la sicurezza dei cibi è al primo posto nelle scelte di consumo alimentari. 

______________________________________
Settore Comunicazione e Immagine
CIA- Confederazione italiana agricoltori
Via Mariano Fortuny, n. 20
00196-ROMA
Tel. 06-3227008
Fax 06-3208364
E-mail: cia.informa@cia.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl