comunicato stampa

"Prenderà l'avvio" perché il 29 marzo non è che il primo passo di un percorso che si concluderà ad Ottobre con il completamento del processo che vede la telematica come unico mezzo di comunicazione fra la Pubblica Amministrazione e gli imprenditori.

Allegati

25/mar/2011 14.15.02 ufficio stampa casentino Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

 

 

 

NUOVE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DELLE PRATICHE DI COMPETENZA DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE,  PRATICHE SOGGETTE A SCIA

Il SUAP della Comunità Montana diventa telematico e prende inizio il progetto ‘Impresa in un giorno’

 

 

Dal 29 marzo 2011 cambieranno radicalmente le procedure relative all’inizio delle attività produttive: infatti in base al nuovo decreto del Presidente della Repubblica n. 160 del 2010, prenderà l’avvio  l’informatizzazione completa dei procedimenti di inizio delle attività. “Prenderà l’avvio” perché il 29 marzo non è che il primo passo di un percorso che si concluderà ad Ottobre con il completamento del processo  che vede la telematica come unico mezzo di comunicazione fra la Pubblica Amministrazione e gli imprenditori. In pratica non sarà possibile presentare in cartaceo, neanche in caso di invio per posta, o per fax, la documentazione riguardante tutte le pratiche amministrative e tecniche, in questa prima fase limitatamente ai procedimenti che riguardano le segnalazioni di inizio attività (SCIA), successivamente anche quelli che riguardano processi autorizzativi. Lo spirito della norma è quello di semplificare ed agevolare il rapporto fra utenza e P.A., certamente comporterà un nuovo modo di pensare questo rapporto, con la spersonalizzazione ma con la comodità di poter operare dalla propria sede. L’operatività sarà legata al possesso di una casella di posta elettronica  (PEC) e di firma digitale.

La novità non ha comunque trovato impreparato lo Sportello Unico per le Attività Produttive della Comunità Montana del Casentino,  che da tempo lavora per rendersi operativo nell’ambito dei 12 comuni associati (di cui non fa parte Bibbiena) e che ha  infatti aderito ad un progetto di riuso regionale denominato “AIDA” - ideato e sviluppato dal Comune di Livorno - che  senza alcun costo per i cittadini ed i comuni, permetterà di operare in rete con utenza, Regione, comuni ed Enti terzi soddisfacendo pienamente ai  dettami della norma.

Vista l'importanza della materia e gli effetti che ne potrebbero derivare sulle pratiche presentate in modo non conforme si invita in caso di necessità di chiarimenti a contattare lo Sportello Unico.

 

Ufficio stampa Cmc 0575.507245

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl