Il 31 marzo ActionAid Italia e Donne in Campo-Cia presentano "Il pane e le rose"

Il 31 marzo ActionAid Italia e Donne in Campo-Cia presentano "Il pane e le rose".

28/mar/2011 14.53.13 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Il 31 marzo ActionAid Italia e Donne in Campo-Cia presentano “Il pane e le rose”
 
L’iniziativa si concentra sul ruolo delle donne in agricoltura nei Paesi in via di sviluppo, ma senza trascurare la situazione in Italia. Tra gli ospiti della tavola rotonda il segretario generale della Cgil Susanna Camusso e il vicepresidente di Confindustria Cristiana Coppola. Le conclusioni affidate al presidente della Cia Giuseppe Politi.
 

          Se le donne nelle zone rurali avessero le stesse opportunità degli uomini nell’accesso alla terra, alla tecnologia, ai servizi finanziari e ai mercati, la produzione agricola dei Paesi in via di sviluppo potrebbe aumentare tra il 2,5 e il 4 per cento e il numero degli affamati ridursi di 100-150 milioni di unità. E’ da questo assunto della Fao che prende il via “Il pane e le rose”, l’iniziativa congiunta di ActionAid Italia e dell’associazione Donne in Campo della Cia-Confederazione italiana agricoltori, in programma a Roma giovedì 31 marzo, alle ore 14.30 presso la Casa internazionale delle donne.
         “L’agricoltura rappresenta ancora oggi una fonte di sopravvivenza insostituibile in molti Paesi in via di sviluppo -spiegano ActionAid Italia e Donne in Campo- e in questo contesto le donne costituiscono larga parte dei piccoli agricoltori. Nonostante il ruolo cruciale che ricoprono all’interno dei nuclei familiari rurali però, le donne contadine spesso non ricevono adeguato sostegno da parte delle Istituzioni locali e nazionali, né sono sempre riconosciute come soggetti economici da coinvolgere nei programmi di sviluppo rurale e spesso affrontano discriminazioni nella proprietà ed eredità della terra”.
        Ma non solo Sud del mondo. In un altro senso, anche in Italia c’è ancora molto da fare sul fronte dell’agricoltura ‘rosa’: è necessario, per esempio, “abbattere le discriminazioni nell’accesso al credito agricolo e dare più visibilità alla presenza delle donne nel settore”.
        Di tutto questo i presidenti di ActionAid e Donne in Campo-Cia, Chiara Somajni e Mara Longhin, discuteranno con Istituzioni e Parti sociali. All’iniziativa di giovedì, in cui sarà presentato il Rapporto “Il pane e le rose”, interverranno il segretario generale della Cgil Susanna Camusso e il vicepresidente di Confindustria Cristiana Coppola. Per la Fao parteciperà Nora Ourabah Haddad, Rural employment and institutions officer. Concluderà i lavori il presidente della Cia Giuseppe Politi. E’ stato invitato il neo-ministro alle Politiche agricole Saverio Romano.  

______________________________________
Settore Comunicazione e Immagine
CIA- Confederazione italiana agricoltori
Via Mariano Fortuny, n. 20
00196-ROMA
Tel. 06-3227008
Fax 06-3208364
E-mail: cia.informa@cia.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl