Pasqua: boom della vacanza breve, in 600 mila scelgono l'agriturismo

Pasqua: boom della vacanza breve, in 600 mila scelgono l'agriturismo.

15/apr/2011 13.29.19 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Pasqua: boom della vacanza breve, in 600 mila scelgono l’agriturismo
 
Secondo Turismo Verde-Cia, il prossimo week-end farà segnare una ripresa del settore, muovendo un giro d’affari di oltre 150 milioni di euro. Complici del successo non solo i prezzi favorevoli ma anche il crollo delle mete oltreconfine, con il black-out del Nord Africa (meno 35 per cento).    
 

        A Pasqua gli italiani non rinunciano alle vacanze, ma optano per soggiorni brevi (2-3 giorni) e località vicine. Che sia mare, campagna o città d’arte, le famiglie quest’anno abbandonano l’idea dei luoghi esotici oltreconfine e vanno, invece, alla riscoperta dell’Italia e delle sue tradizioni. E non è solo una scelta dettata dalla crisi economica, che ancora incide sul portafogli: nel 2011 a favorire i viaggi “in casa” è soprattutto il black-out delle vacanze in Nord Africa. Le rivolte in Egitto e in Tunisia, per esempio, hanno fatto crollare le prenotazioni nel Mar Rosso e sulle coste sud del Mediterraneo (meno 35 per cento). A beneficiarne le località di villeggiatura della penisola, prima di tutto gli agriturismi, per i quali si prevede il “pienone” nel week-end di Pasqua. Al momento, infatti, sono già più di 600 mila le famiglie che hanno prenotato una vacanza in campagna, con un giro d’affari stimato che supera abbondantemente i 150 milioni di euro. E’ quanto emerge da un’indagine condotta presso le aziende agrituristiche di Turismo Verde, l’associazione agrituristica della Cia-Confederazione italiana agricoltori.
        Dopo la flessione delle presenze nel 2010 (meno 8 per cento), le aziende agrituristiche segnano una consistente ripresa nelle prenotazioni per le prossime festività, compresa tra il 7 e il 9 per cento annuo. Una crescita che si riscontra in tutte le regioni, complici anche i prezzi particolarmente favorevoli che non hanno subìto aumenti rispetto a quelli dell’anno precedente.
        I menù delle aziende agrituristiche nel periodo pasquale -informa Turismo Verde-Cia- rispettano sempre l’antica ritualità e le usanze enogastronomiche del periodo: ci sono le uova (simbolo di rinascita) e l’agnello (legato alla tradizione cristiana), la colomba (simbolo di pace) e le torte rustiche con salame e formaggio come il “casatiello” napoletano (che contiene tutti i simboli della Pasqua). E poi ci sono i dolci a base di grano (simbolo di resurrezione) come la pastiera, ma anche le frittelle e le zucche con i germogli (il ratto di Proserpina).
        Ma la vacanza in agriturismo non è solo enogastronomia: è anche relax e ricerca di benessere nelle molte aziende che si sono attrezzate per offrire agli ospiti la possibilità di ritemprarsi dallo stress quotidiano. E’ così c’è l’opportunità di imparare a fare “qualcosa” di particolare: osservare un cielo stellato e saper scoprire le costellazioni, riconoscere e utilizzare le erbe aromatiche e spontanee per cucinare pietanze più profumate, preparare impacchi cosmetici per la cura del corpo, fare birdwatching, passeggiate guidate a cavallo o in bicicletta.
        In Italia -ricorda Turismo Verde-Cia- le aziende agrituristiche sono 18.480, di cui 15.334 con alloggio (per un totale di 190 mila posti letto) e 8.928 con ristorazione (per 337.385 coperti complessivi). Di tutti questi, 3.140 fanno escursionismo, 1.615 equitazione, 2.398 mountain bike e 1.407 con corsi, soprattutto di cucina.
 

______________________________________
Settore Comunicazione e Immagine
CIA- Confederazione italiana agricoltori
Via Mariano Fortuny, n. 20
00196-ROMA
Tel. 06-3227008
Fax 06-3208364
E-mail: cia.informa@cia.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl