Il patronato Inac torna nelle piazze italiane Incontri con i cittadini sugli ammortizzatori sociali e l'invalidità civile

Nei vari gazebo (a Roma la manifestazione si terrà in Piazza dell'Immacolata, nel popolare quartiere di San Lorenzo), operatori saranno a disposizione per illustrare i servizi offerti gratuitamente a tutela dei diritti socio-previdenziali.

05/feb/2011 13.12.35 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Il patronato Inac torna nelle piazze italiane
Incontri con i cittadini sugli ammortizzatori sociali e l’invalidità civile
 
Il prossimo 7 maggio, con la quinta edizione di “Inac in piazza per te”, verranno allestiti punti informativi in decine di città in tutte le Regioni. Nei vari gazebo (a Roma la manifestazione si terrà in Piazza dell’Immacolata, nel popolare quartiere di San Lorenzo), operatori saranno a disposizione per illustrare i servizi offerti gratuitamente a tutela dei diritti socio-previdenziali. Professionalità e competenza alla base dell’azione del Patronato al fine di dare risposte certe ai reali bisogni della gente.
 
Torna per il quinto anno consecutivo “Inac in piazza per te”. L’appuntamento promosso dal Patronato della Cia-Confederazione italiana agricoltori è per sabato prossimo 7 maggio, con manifestazioni e incontri in tutta Italia. Al centro delle iniziative ci saranno due temi di grande rilevanza e attualità del welfare: gli ammortizzatori sociali e le pensioni per l’invalidità civile. Il tutto si svolge sotto lo slogan “Lavoriamo insieme per un domani di certezze e diritti”.
Nelle centinaia di gazebo che verranno allestiti per l’occasione in decine di città in tutte le Regioni (a Roma nel popolare quartiere di San Lorenzo in piazza dell’Immacolata, a partire dalle ore 9.00) gli operatori dell’Inac forniranno il materiale informativo e promozionale. Spiegheranno e dialogheranno con i cittadini per illustrare in maniera concreta non solo le questioni inerenti gli ammortizzatori sociali e l’invalidità civile, ma anche tutti i servizi che il Patronato offre da quarant’anni a tutela dei diritti socio-previdenziali. Il tutto per cercare di dare risposte esaurienti, di venire incontro alle esigenze della gente e di offrire opportunità e garanzie soprattutto ai più deboli della società.
Quello degli ammortizzatori sociali -avvertono all’Inac- è argomento molto sentito soprattutto in un momento economico assai delicato come l’attuale, dove proprio la disoccupazione, specialmente giovanile, ha assunto contorni preoccupanti. Da qui l’importanza di un reale sostegno al reddito di chi oggi perde il lavoro.
“Quest’anno gli ammortizzatori sociali -afferma il presidente dell’Inac Carla Donnini- sono stati estesi anche a quelle categorie di lavoratori che ne erano escluse, compresi i soggetti il cui rapporto di lavoro non si interrompe, ma viene semplicemente sospeso. Con il decreto ‘Milleproroghe’ è stata confermata per tutto il 2011 l’erogazione dell’indennità di disoccupazione, l’indennità di cassa integrazione, l’indennità di mobilità. Per questo motivo il nostro Patronato, da sempre impegnato nell’assistenza ai cittadini per l’esigibilità dei loro diritti, anche quest’anno, in occasione di ‘Inac in piazza per te’, darà dettagliate informazioni e distribuirà un opuscolo in cui viene illustrato in maniera chiara come accedere alle prestazioni a sostegno del reddito per chi perde il lavoro”.
L’altro tema al centro dell’iniziativa Inac, l’invalidità civile, sta causando non pochi problemi a tutti i cittadini che hanno diritto ai benefici per la loro inabilità. A distanza di un anno dalle nuove modalità di presentazione on line, che avrebbero dovuto velocizzare i tempi di definizione delle domande, si sono, invece, creati ritardi insostenibili che pesano sulle categorie sociali più deboli. Gli invalidi sono diventati “ostaggi della telematica”, soffocati dalla burocrazia. E così un loro sacrosanto diritto diventa sempre più un vero e proprio miraggio.
L’iniziativa dell’Inac è, comunque, a tutto campo. Una grande e capillare mobilitazione sul territorio per stare in contatto con i cittadini e fornire loro qualsiasi supporto socio-previdenziale e soluzioni ai problemi che le persone sono costrette ad affrontare, sia nella previdenza che nella sanità.
Una strategia questa che ha sempre contraddistinto l’azione quarantennale del Patronato Inac. Si tratta di un’azione di pubblica utilità, con la quale si forniscono servizi di consulenza, assistenza e tutela, in sede amministrativa e giudiziaria, per il riconoscimento dei diritti previdenziali, sociali e sanitari dei lavoratori dipendenti e autonomi, dei cittadini italiani e stranieri e contribuendo allo sviluppo della legislazione sociale. Un’azione che viene condotta con grande capacità, competenza e professionalità, che non può essere minata da iniziative estemporanee promosse da altri soggetti che non hanno alcun requisito valido per svolgere un servizio efficace in risposta ai bisogni della gente.
L’Inac è tra i primi patronati del Paese per volume di attività e per struttura organizzativa ed esplica la sua attività con sedi in tutta Italia e all’estero (le ultime due sedi sono state aperte nei mesi scorsi a New York e Miami), anche in convenzione con Enti pubblici e privati, organismi e imprese, sotto il controllo e la vigilanza del ministero del Lavoro e delle Politiche sociali.
La giornata di sabato 7 maggio sarà anche l’occasione per far conoscere ai cittadini i servizi previdenziali, sociali e fiscali offerti dalla Cia attraverso le proprie strutture, nell’ambito del Polo Integrato dei Servizi alla Persona.
 
 
I servizi offerti gratuitamente presso gli uffici Inac

Verifica, controllo e aggiornamento delle posizioni contributive- Pensioni dei lavoratori dipendenti pubblici e privati- Pensioni dei lavoratori autonomi professionisti- Pensioni inabilità e privilegiate- Cause di servizio ed equo indennizzo- Riscatti e ricongiunzione periodi assicurativi- Assegno al nucleo e maggiorazioni- Invalidità civile e indennità di accompagnamento- Infortuni e malattie professionali- Indennità per malattia e maternità- Indennità per disoccupazione- Indennità di buonuscita e premio di servizio- Regolarizzazioni lavoratori extracomunitari- Prestazioni di sicurezza sociale dei Paesi Ue ed extra Ue- Assistenza socio-sanitaria- Prestazioni erogate dal Sistema sanitario nazionale.
Inoltre, in collegamento on-line, il patronato può consultare immediatamente gli archivi degli Enti previdenziali per la stampa degli estratti contributivi e dei modelli Cud, oltre che presentare in via telematica all’Inps le domande di pensione e di disoccupazione.
 
 

______________________________________
Settore Comunicazione e Immagine
CIA- Confederazione italiana agricoltori
Via Mariano Fortuny, n. 20
00196-ROMA
Tel. 06-3227008
Fax 06-3208364
E-mail: cia.informa@cia.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl