Vino: Ue, la "liberalizzazione" dei vigneti è devastante A rischio la qualità del nostro enorme patrimonio vitivinicolo

Vino: Ue, la "liberalizzazione" dei vigneti è devastante A rischio la qualità del nostro enorme patrimonio vitivinicolo La Cia esprime apprezzamento per la decisione della Spagna di unirsi ad altri nove stati europei (compresa l'Italia) che si battono per il mantenimento dei diritti d'impianto.

18/mag/2011 16.39.21 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Vino: Ue, la “liberalizzazione” dei vigneti è devastante
A rischio la qualità del nostro enorme patrimonio vitivinicolo
 
La Cia esprime apprezzamento per la decisione della Spagna di unirsi ad altri nove stati europei (compresa l’Italia) che si battono per il mantenimento dei diritti d’impianto.
 
Un giudizio positivo per la decisione della Spagna di unirsi ad altri nove stati Ue (compresa l’Italia) che dicono “no” alla liberalizzazione dei vigneti prevista dalla riforma del settore nel 2015 è stato espresso dalla Cia-Confederazione italiana agricoltori. In questo modo si rafforza il fronte contrario ad un provvedimento che rischia di annullare anni di lavoro, nel nostro Paese, per costruire un sistema vitivinicolo di qualità fondato sulle denominazioni di origine e sul ruolo dei Consorzi di tutela per la loro gestione e valorizzazione.
Il mantenimento dei diritti di impianto nel settore vitivinicolo -avverte la Cia- è di grande importanza in quanto, oltre a garantire le aziende, avrebbe un effetto benefico per assicurare un equilibrio al mercato. Altrimenti, ci sarebbe una vera e propria destabilizzazione che porterebbe alla ingovernabilità dell’intero settore. E le conseguenze per i produttori sarebbero devastanti.
Per questa ragione la Cia, nel ribadire la sua netta contrarietà ad un provvedimento di liberalizzazione, sollecita che su questa materia ci sia, in ambito comunitario, un’attenta riflessione e valutazione. Bisogna scongiurare il pericolo di una sovrapproduzione, di un ulteriore calo dei prezzi e di una diminuzione della qualità. Da qui l’invito all’Italia di continuare a mantenere una ferma posizione in difesa dei vitivinicoltori che non possono essere assolutamente travolti da decisioni assurde. Bisogna salvaguardare la nostra storia, le nostre tradizioni e il grande patrimonio vitivinicolo che in questi anni abbiamo faticosamente costruito.
 

 

______________________________________
Settore Comunicazione e Immagine
CIA- Confederazione italiana agricoltori
Via Mariano Fortuny, n. 20
00196-ROMA
Tel. 06-3227008
Fax 06-3208364
E-mail: cia.informa@cia.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl