Riunione comitato di coordinamento To.Ge.Ther.

21/ott/2005 05.27.15 Ufficio Stampa Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

COMUNICATO STAMPA

Si riunisce a Torino il Comitato di coordinamento

del progetto TO.GE. ThER. - Delineate le linee di azione operative

TERNI, 21 ottobre 2005 - Nelle giornate di martedì 25 e mercoledì 26 ottobre prossimi si riunisce per la prima volta a Torino il Comitato di coordinamento di To.Ge.Ther., il progetto di cooperazione per la ricerca, lo sviluppo e l’innovazione tra le città industriali di Torino, Genova e Terni. Nominato appena un mese fa nella riunione operativa di Villalago e coordinato scientificamente dal prof. Josè Maria Kenny, docente di Tecnica dei Polimeri dell’Università degli Studi di Perugia e coordinatore della Rete europea di eccellenza sulle nanotecnologie "NanofunPoly", il Comitato di coordinamento comincerà ad analizzare la scala di priorità delle iniziative progettuali da mettere in cantiere ed elaborerà le proposte programmatiche.

Le finalità del Comitato di coordinamento

La riunione si svolgerà durante i lavori di "Porte aperte all’Innovazione", una manifestazione che durerà fino al 28 ottobre e che coinvolgerà tutti i luoghi dove si produce innovazione a Torino e provincia (nel programma 80 siti da visitare, spettacoli, incontri, letture pubbliche, azioni dimostrative, esposizione di immagini, stand su progetti innovativi, 21 Caffè dell’Innovazione, cicli di conferenze e incontri divulgativi, convegni e workshop).

"Nell’ambito dell’intesa tra le tre città industriali - spiegano i promotori, Ciano Ricci Feliziani (segretario generale dell’Associazione Terni Città Universitaria) e Giuseppe Cardoni (direttore di Umbria Innovazione) - sono state previste tre diverse applicazioni per politiche innovative. L’elaborazione di un piano di lavoro e la definizione degli ambiti progettuali all’interno dei quali opererà il Comitato, saranno finalizzati all’acquisizione dei finanziamenti nazionali ed eurocomunitari necessari per promuovere innovazione, trasferimento tecnologico e iniziative di sviluppo. Intendiamo inoltre proporre, per il 2006, un incontro a Terni tra le imprese, le aziende in fase di start up, gli spin off universitari delle tre città che operano in settori altamente tecnologici. Con il contributo del sistema imprenditoriale sarà così possibile delineare i settori e gli obiettivi per coniugare ricerca e produzione e, al tempo stesso, si potranno evidenziare gli strumenti finanziari per lpattuazione di questi obiettivi. ".

Esperienze e proposte operative

"L’esperienza del progetto To.Ge.Ther. entra nella sua fase operativa - conferma il sindaco di Terni, Paolo Raffaelli, firmatario dell’accordo insieme al primo cittadino di Torino, Chiamparino, ed a quello di Genova, Pericu - L’obiettivo è quello di immaginare e concretizzare un nuovo modello di sviluppo integrato. Il progetto di cooperazione ta le città industriali si integra in pieno con alti strumenti ad alto contenuto di innovazione, ricerca, valore aggiunto come il Patto di territorio, il Distretto tecnologico e il consolidamento della presenza universitaria".

L’Associazione Terni Città Universitaria e Umbria Innovazione proporranno alle tre municipalità, sulla base delle proposte condivise dal Comitato di coordinamento, l’erogazione di un contributo finanziario per dare attuazione alle attività operative previste dal protocollo d’intesa To.Ge.Ther..

I tre livelli operativi

Sono stati individuati, in particolare, tre filoni di attività attraverso i quali mettere in rete le esperienze delle città industriali di Torino, Genova e Terni e dare vita ad iniziative comuni e sinergiche finalizzate alla promozione di ricerca, innovazione, e competitività dei sistemi territoriali e delle imprese.

Progetti di ricerca e trasferimento tecnologico: riguarderanno l’utilizzo di materiali innovativi nell’arredo e nelle applicazioni urbane (acciaio inox, lamierino magnetico, materiali polimerici), l’utilizzo dell’idrogeno e di fonti alternative e rinnovabili per la produzione di energia pulita, le biotecnologie, le micro e nanotecnologie, lo sviluppo di materiali innovativi, la metallurgia speciale, la meccatronica (l’elettronica e le tecnologie digitali applicate alla meccanica tradizionale), l’archeologia industriale.

Formazione: verrà istituzionalizzata e sistematizzata la collaborazione tra le agenzie per la promozione dell’innovazione delle tre città e dei territori coinvolti (Corep di Torino, Dixet Club d’Imprese di Genova, Umbria Innovazione) per l’organizzazione e la gestione di seminari, convegni e iniziative formative rivolte ad un pubblico specializzato. Nella seconda fase dell’attività del Comitato di coordinamento, è prevista l’istituzione di master universitari interfacoltà con la collaborazione degli atenei di Torino (Politecnico), Genova (Università degli studi) e Terni (Polo Scientifico e Didattico dell’Università degli studi di Perugia).

Divulgazione scientifica: sarà programmata una fitta serie di azioni distribuite sul territorio, aperte a un pubblico vasto, formato da coloro che operano nell’innovazione, dagli studenti, dagli attori della formazione, dai semplici cittadini e in generale dalla pubblica opinione delle tre realtà industriali. Saranno individuati e coinvolti testimoni e divulgatori con iniziative di confronto sui temi dell’innovazione e della ricerca.



Non trovi i file sul tuo PC? Scarica Desktop Search
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl