Lavoro: parte l'Ente bilaterale agricolo nazionale. Soddisfazione della Cia

Nello stesso tempo, le parti sociali agricole, con l'Eban, intendono cogliere -afferma la Cia-, le opportunità offerte dalla legislazione sul lavoro che, ormai da qualche tempo e in modo sempre più esteso, assegna alle parti sociali la gestione di funzioni integrative o sostitutive di quelle pubbliche, in materia di mercato del lavoro, sicurezza, sanità, formazione, integrazione al reddito.

19/mag/2011 16.30.29 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Lavoro: parte l’Ente bilaterale agricolo nazionale. Soddisfazione della Cia
 
Si potrà così avere una sede di confronto permanente fra le parti sociali, in grado di valorizzare e rafforzare ulteriormente le relazioni sindacali del settore.
 
        E’ stato costituito ieri, 18 maggio 2011, tra le Organizzazioni nazionali dei datori di lavoro (Cia-Confederazione italiana agricoltori, Confagricoltura e Coldiretti), e le Organizzazioni nazionali dei lavoratori (Flai-Cgil, Fai-Cisl e Uila-Uil) il nuovo Ente bilaterale agricolo nazionale (Eban).
        Con la nascita dell’Eban il settore agricolo si propone di armonizzare e semplificare il sistema della bilateralità, attuando, in tal modo, una delle novità più qualificanti del contratto nazionale di lavoro degli operai agricoli e florovivaisti rinnovato nel 2010.
        Nello stesso tempo, le parti sociali agricole, con l’Eban, intendono cogliere -afferma la Cia-, le opportunità offerte dalla legislazione sul lavoro che, ormai da qualche tempo e in modo sempre più esteso, assegna alle parti sociali la gestione di funzioni integrative o sostitutive di quelle pubbliche, in materia di mercato del lavoro, sicurezza, sanità, formazione, integrazione al reddito.
        Alla luce di questa moderna impostazione del welfare, al nuovo Ente -aggiunge la Cia- vengono, infatti, affidati compiti svolti in precedenza da una pluralità di organismi: l’Osservatorio nazionale, Agriform, la Commissione nazionale paritetica per le Pari opportunità, il Comitato paritetico nazionale per la salute e la sicurezza sul lavoro e, infine, la funzione di assicurare -attraverso apposito Fondo, denominato Fisa- le prestazioni sanitarie integrative, dell’assistenza fornita dal Servizio sanitario nazionale, agli operai agricoli e florovivaisti, precedentemente erogate dal Fislaf.
        Il valore aggiunto dell’Eban -rileva la Cia- consiste nella possibilità di avere una sede di confronto permanente, non più limitata ai soli momenti relativi alle trattative di rinnovo dei contratti e, quindi, in grado di valorizzare e rafforzare ulteriormente le relazioni sindacali del settore.
        Se poi tutto ciò potrà essere realizzato, non solo a livello nazionale, ma anche territoriale, la rete della bilateralità -conclude la Cia- potrà dirsi solidamente costruita.

______________________________________
Settore Comunicazione e Immagine
CIA- Confederazione italiana agricoltori
Via Mariano Fortuny, n. 20
00196-ROMA
Tel. 06-3227008
Fax 06-3208364
E-mail: cia.informa@cia.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl