Istat: la ripresa dei prezzi agricoli nel 1° trimestre non compensa il crollo dell'ultimo triennio . E i costi continuano a "tagliare" i redditi dei produttori.

Secondo la Cia per ridare fiato alle imprese occorrono politiche mirate a ridurre oneri e gravami.

Persone Mariano Fortuny
Argomenti linguistics

27/mag/2011 12.37.38 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Istat: la ripresa dei prezzi agricoli nel 1° trimestre non compensa il crollo dell’ultimo triennio. E i costi continuano a “tagliare” i redditi dei produttori.
 
Secondo la Cia per ridare fiato alle imprese occorrono politiche mirate a ridurre oneri e gravami.
 
        Dopo tre anni di crolli dei prezzi agricoli, che hanno perso oltre il 20 per cento tra il 2008 e il 2010, finalmente c’è una ripresa delle quotazioni sui campi. Ma il rialzo dei listini all’origine nel periodo gennaio-marzo, pur rappresentando una boccata d’ossigeno per le imprese, non è sufficiente a far ripartire i redditi dei produttori agricoli. Lo afferma la Cia-Confederazione italiana agricoltori, commentando le stime diffuse oggi dall’Istat sui prezzi dei prodotti agricoli nel primo trimestre 2011.
        I livelli raggiunti dai prezzi agricoli nei primi tre mesi dell’anno (più 3,5 per cento congiunturale e più 12,8 per cento tendenziale) non sono ancora remunerativi per gli agricoltori -spiega la Cia- poiché contemporaneamente sono continuati a crescere in maniera esponenziale i costi produttivi delle aziende. Solo nel primo trimestre 2011, come conferma oggi anche l’Istat, gli imprenditori del settore hanno dovuto “sborsare” il 12,6 per cento in più per energia e lubrificanti, il 13,1 per cento in più per i mangimi e il 14,6 per cento per i concimi.
          Di fatto, quindi, l’incremento dei prezzi all’origine tra gennaio e marzo non compensa l’incremento dei costi dei fattori produttivi -conclude la Cia-. Per ridare fiato ai redditi degli agricoltori (fermi al meno 3 per cento nel 2010 contro il più 14 per cento della media Ue) occorrono interventi mirati per ridurre oneri e gravami che penalizzano la competitività delle imprese agricole.

______________________________________
Settore Comunicazione e Immagine
CIA- Confederazione italiana agricoltori
Via Mariano Fortuny, n. 20
00196-ROMA
Tel. 06-3227008
Fax 06-3208364
E-mail: cia.informa@cia.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl