comunicato stampa

30/mag/2011 18.15.02 ufficio stampa casentino Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

 

 

MAESTA’ DI CERRETA

Ritorna in tutta la sua bellezza grazie agli Interventi di restauro da parte della Comunità Montana del Casentino

 

 

Inaugurata stamani con una celebrazione solenne officiata dai Monaci Camaldolesi la Maestà di Cerreta in località Cerreta, Camaldoli nel comune di Poppi e facente parte del demanio regionale affidato in gestione per delega alla Comunità Montana del Casentino che ha eseguito direttamente l’intervento di restauro.

La suggestiva cerimonia ha avuto luogo nello splendido scenario dove è situata la cappellina, immersa tra alberi secolari alla presenza tra gli altri del Presidente della Comunità Montana del Casentino, del Sindaco di Poppi e delle autorità militari. La cappella restaurata è stata riconsegnata alle amorevoli cure delle Suore dell’Oasi di Preghiera del Divin Maestro di Camaldoli che nel tempo hanno provveduto al mantenimento del luogo di culto. Il presidente Sandro Sassoli non ha mancato di ringraziare la Provincia di Arezzo per il contributo concesso, inoltre ha ringraziato in modo particolare le maestranze forestali rappresentate dal dirigente del settore Foreste della Comunità Montana del Casentino che hanno con grande professionalità curato nel minimo dettaglio  i lavori di restauro e di arredo.

Erano inoltre presenti i nipoti dell’allora ministro Amintore Fanfani che nel 1953 fece eseguire l’ultimo restauro della cappella e numerosi cittadini fra cui i rappresentanti della Comunità di Moggiona particolarmente legati a aquesto luogo. Il Presidente Sandro Sassoli ha voluto inoltre rimarcare come il lavoro svolto spesso in silenzio dai dipendenti della Comunità Montana, che gestisce gran parte delle foreste del demanio, consenta di godere di un paesaggio meraviglioso a  misura d’uomo a stretto contatto con la natura.

In ultimo una nota particolare per i monaci Camaldolesi che durante la celebrazione con le loro parole di fede e di amore hanno avvicinato l’animo dei presenti alle meraviglie del creato, immersi in un’atmosfera idilliaca.

 

 

Ufficio stampa Cmc 0575.507245

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl