Batterio killer: subito interventi concreti per gli agricoltori colpiti Un danno da oltre 50 milioni di euro per l'ortofrutta "made in Italy"

Batterio killer: subito interventi concreti per gli agricoltori colpiti Un danno da oltre 50 milioni di euro per l'ortofrutta "made in Italy" In vista delle importanti riunioni che si terranno domani a livello Ue, la Cia sollecita tempestive misure nei confronti delle imprese ortofrutticole travolte dall'emergenza E.Coli.

Persone Mariano Fortuny
Luoghi Italy, Brussels, Russia, Germania
Argomenti music

06/giu/2011 14.55.53 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Batterio killer: subito interventi concreti per gli agricoltori colpiti
Un danno da oltre 50 milioni di euro per l’ortofrutta “made in Italy”
 
In vista delle importanti riunioni che si terranno domani a livello Ue, la Cia sollecita tempestive misure nei confronti delle imprese ortofrutticole travolte dall’emergenza E.Coli.
Sollecitata la massima chiarezza sull’intera vicenda per rassicurare i consumatori.
 
L’Unione europea deve intervenire subito in maniera concreta a sostegno degli agricoltori pesantemente colpiti dall’emergenza del batterio E.Coli. La poca chiarezza che ha contraddistinto fin dall’inizio tutta la vicenda, le misure adottate da alcuni paesi terzi (come la Russia, che ha bloccato l’import di ortofrutta europea), l’inevitabile psicosi che si è scatenata tra i consumatori hanno provocato danni ingenti. Solo nel nostro Paese gli effetti sono stati disastrosi. Tra lo stop dell’export, l’annullamento di molti contratti, il fermo di prodotti alle dogane, la distruzione di tutto l’invenduto e il crollo dei consumi, si calcolano, al momento, perdite per oltre 50 milioni di euro. E’ quanto sollecita la Cia-Confederazione italiana agricoltori alla vigilia di importanti riunioni a livello comunitario: il Consiglio agricolo straordinario e il Comitato di gestione ortofrutta che si terranno domani a Bruxelles e a Lussemburgo. Incontri che sono stati preceduti oggi dal Consiglio dei ministri della Salute e da un Comitato speciale agricolo della Commissione esecutiva.
La scarsa informazione, le notizie contraddittorie che si sono rincorse sui media di tutta Europa e gli allarmismi che si sono generati hanno avuto conseguenze disastrose per le imprese ortofrutticole. Sono finiti nel mirino, indistintamente, tutti i tipi di verdure, ortaggi e frutta. I nostri produttori -avverte la Cia- si sono trovati di fronte ad una drammatica emergenza, di cui non hanno alcuna colpa. Ecco perché è indispensabile che venga sgombrato al più presto qualsiasi dubbio, ridando certezze sia ai consumatori che agli agricoltori.
Oltre a tempestivi ed adeguati indennizzi, la Cia chiede, quindi, che venga definita con estrema chiarezza la causa (sempre più probabile i germogli di soia prodotti in un’azienda in Germania) del “batterio killer”, che vengano adottate misure correttive per evitare che in futuro si ripetano drammatiche situazioni del genere, che venga assicurato il ritiro dal mercato del prodotto incriminato, che sia fatta una chiara tracciabilità di tutte le fasi della filiera, dalla produzione alla distribuzione.
 
 

______________________________________
Settore Comunicazione e Immagine
CIA- Confederazione italiana agricoltori
Via Mariano Fortuny, n. 20
00196-ROMA
Tel. 06-3227008
Fax 06-3208364
E-mail: cia.informa@cia.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl