Il Parlamento europeo restituirà 572 milioni di euro all'Italia Utilizziamoli per ridurre il peso del "caro gasolio" in agricoltura e per sanare i danni ai produttori di ortofrutta colpiti dal "batterio killer"

07/apr/2011 09.32.24 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Il Parlamento europeo restituirà 572 milioni di euro all’Italia
Utilizziamoli per ridurre il peso del “caro gasolio” in agricoltura e
per sanare i danni ai produttori di ortofrutta colpiti dal “batterio killer”
 
La Cia lancia la proposta in vista dell’Assemblea plenaria di Strasburgo che inizia oggi.
 
Il Parlamento europeo domani 5 luglio voterà, in Assemblea plenaria a Strasburgo, una proposta per restituire all'Italia quasi 572 milioni di euro. L'importo totale da restituire agli Stati membri è di 4,54 miliardi di euro. Si tratta di somme non utilizzate nel 2010, delle quali 2,72 miliardi sono gli stanziamenti non utilizzati per i programmi realizzati nel 2010. Il resto proviene da multe, interessi di mora e eccedenze imputabili alle differenze di cambio. Perché non utilizzare queste risorse per fronteggiare alcune gravi emergenze per l’agricoltura? Si potrebbe dare una risposta ai problemi causati alle aziende, in particolare le serre, dal “caro-gasolio”, oppure per coprire i danni provocati dall’E.coli ai produttori ortofrutticoli. E’ quanto propone la Cia-Confederazione italiana agricoltori.
          Questi soldi -avverte la Cia- potrebbero dare una boccata d’ossigeno agli imprenditori agricoli italiani che stanno vivendo una fase particolarmente difficile, con costi in continua crescita, prezzi non remunerativi e redditi in costante calo.
          Intervenire, ad esempio, sul fronte del gasolio, che attualmente pesa in maniera opprimente sui conti delle serre, dopo l’abolizione, nel 2009, delle agevolazioni, consentirebbe -sottolinea la Cia- agli imprenditori di operare con più tranquillità e di vedere coperta una parte dei costi che gravano sul bilancio aziendale.
Stesso discorso per l’ortofrutta. Il “batterio killer” ha avuto riflessi pesanti nel settore. L’Ue ha stanziato per tutta l’Europa 210 milioni di euro. Una cifra totalmente insufficiente. Ecco perché -afferma la Cia- sarebbe opportuno destinare al comparto, oggi in forte affanno, una parte dei soldi che l’Italia si vedrà restituiti dall’Assemblea di Strasburgo.
La Cia chiede, pertanto, al governo di attivarsi e di fare in modo che la cifra che tornerà al nostro Paese venga indirizzata in precisi ambiti, dove maggiori sono i problemi. E quelli del “caro-gasolio” agricolo e dei danni all’ortofrutta dall’E.coli appaiono certamente i più urgenti.
 
 
 
 

______________________________________
Settore Comunicazione e Immagine
CIA- Confederazione italiana agricoltori
Via Mariano Fortuny, n. 20
00196-ROMA
Tel. 06-3227008
Fax 06-3208364
E-mail: cia.informa@cia.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl