Vino: discriminatori i dazi della Russia, così salgono i prezzi e c'è il rischio di un crollo delle vendite delle bottiglie "made in Italy"

Vino: discriminatori i dazi della Russia, così salgono i prezzi e c'è il rischio di un crollo delle vendite delle bottiglie "made in Italy".

Persone Giuseppe Politi
Luoghi Russia, Francia, Spagna
Organizzazioni OCM Vino, Ministero dell'agricoltura e delle foreste, CIA
Argomenti commercio, economia

07/giu/2011 17.54.07 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Vino: discriminatori i dazi della Russia, così salgono i prezzi e c’è il rischio di un crollo delle vendite delle bottiglie “made in Italy”
 
La Cia commenta l’aumento della tassazione per i vini italiani imposta dal governo russo. Così si innesca un meccanismo di concorrenza sleale con Francia e Spagna, non sottoposte alle stesse imposizioni fiscali. Urgente un intervento coordinato tra i ministeri competenti. 
 
 
“Una decisione discutibile e ingiustificata, che di certo farà perdere ai nostri vini importanti quote di mercato in un Paese, la Russia, in cui le nostre etichette sono leader assolute con un import che ha raggiunto l’80 per cento e un trend ancora in decisa crescita”. Così il presidente della Cia-Confederazione italiana agricoltori, Giuseppe Politi, commenta le disposizioni del Servizio doganale federale della Russia (FTS) che, a partire dallo scorso 4 luglio, ha fissato per i vini italiani il livello del “custom profile” a 3 dollari per litro, circa 1,60 euro per le bottiglie da 0,75 litri e 2,12 euro per quella da un litro, mentre per i vini francesi e spagnoli i livelli fissati sono di 1,22 euro al litro e 0,80 euro per la bottiglia da 0,75 litri. Una disparità di trattamento inaccettabile.
“È evidente che con un tale provvedimento -continua Politi- i nostri vini subiranno un aumento di imposizione fiscale che determinerà di conseguenza un incremento pari al 30 per cento dei prezzi al consumo. Con ripercussioni negative su importazione, distribuzione e vendita delle bottiglie ‘made in Italy’. Senza contare il meccanismo di concorrenza sleale che si innesca con i nostri maggiori competitor europei, Francia e Spagna, che risultano favoriti dal momento che non sono sottoposti alle stesse imposizioni”.
“In Russia il nostro vino ha trovato, da diversi anni, un trend crescente ed è molto apprezzato dai consumatori -ribadisce il presidente della Cia-, ma un provvedimento del genere rende vani gli impegni di promozione previsti dall’OCM Vino”.
“La preoccupazione dei produttori italiani è massima -conclude Politi-. Ecco perché chiediamo al nostro ministro delle Politiche agricole e a quello degli Affari esteri di attivarsi urgentemente presso tutte le autorità competenti, affinché il problema trovi la giusta soluzione al più presto”.
 


______________________________________
Settore Comunicazione e Immagine
CIA- Confederazione italiana agricoltori
Via Mariano Fortuny, n. 20
00196-ROMA
Tel. 06-3227008
Fax 06-3208364
E-mail: cia.informa@cia.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl