Agricoltura: Politi incontra Ciolos e De Castro. Servono subito adeguate certezze per la nuova Pac. Garantire il reddito dei produttori

12/lug/2011 16.38.31 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Agricoltura: Politi incontra Ciolos e De Castro. Servono subito
adeguate certezze per la nuova Pac. Garantire il reddito dei produttori
 
A Bruxelles il presidente della Cia si confronta con i due responsabili Ue ed evidenzia la necessità di una maggiore attenzione verso i problemi del settore primario. Sia il commissario europeo che il presidente della Comagri assicurano impegno per tutelare il lavoro degli agricoltori.
            
“La futura Politica agricola comune deve rispondere con efficacia ai bisogni degli agricoltori. Per questo motivo, davanti ai grandi cambiamenti che stanno caratterizzando il settore primario soprattutto a livello mondiale, è indispensabile che le risorse siano adeguate. Ogni taglio significa mettere in seria di difficoltà i produttori che attualmente fanno i conti con una situazione complessa, con costi in continua crescita, prezzi non remunerativi e redditi in calo”. E’ questo il concetto che il presidente della Cia-Confederazione italiana agricoltori Giuseppe Politi ha evidenziato in due incontri avuti oggi a Bruxelles con il commissario all’Agricoltura Ue Dacian Ciolos e con il presidente della Commissione Agricoltura del Parlamento europeo Paolo De Castro.
Il presidente Politi -che si è incontrato con Ciolos e De Castro nell’ambito di un convegno della Commissione agricoltura del Parlamento di Strasburgo con i rappresentanti parlamentari degli stati membri sul futuro della Pac- è tornato sulla proposta di bilancio della Commissione esecutiva Ue. “Una proposta -ha detto- deludente per il settore primario in quanto lo scenario che si prospetta non è dei migliori, Ci sono soprattutto gravi incertezze e incognite sulle prospettive finanziarie. Da qui l’esigenza di una correzione di rotta a sostegno dei produttori agricoli che da tempo vivono una situazione complessa e carica di pesanti ostacoli”.
“La futura politica agricola comune -ha rimarcato il presidente della Cia- dovrà, comunque, porre al centro l’agricoltura e le imprese agricole. Il sostegno dovrà essere destinato agli agricoltori professionali e alle aziende che operano nel mercato dei prodotti e del lavoro. Vogliamo sostenere gli imprenditori agricoli, non i percettori di rendite fondiarie e parassitarie”.
“La Pac 2014-2020 -ha concluso Politi- dovrà assumere tra i suoi obiettivi l’efficienza del mercato; dovrà prevedere tra le azioni il rafforzamento delle organizzazioni di produttori; la diffusione dell’economia contrattuale; il sostegno degli strumenti (assicurazioni e fondi di mutualità) per contenere gli effetti della volatilità dei prezzi e delle crisi di mercato”.
Sia il commissario europeo Ciolos che il presidente De Castro sono convenuti sulla necessità di salvaguardare gli agricoltori e si sono impegnati per garantire un’azione realmente incisiva a favore degli agricoltori che non possono continuare ad operare in contesto privo delle indispensabili certezze.

______________________________________
Settore Comunicazione e Immagine
CIA- Confederazione italiana agricoltori
Via Mariano Fortuny, n. 20
00196-ROMA
Tel. 06-3227008
Fax 06-3208364
E-mail: cia.informa@cia.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl