Agricoltura: l'aggregazione dei produttori è un passaggio obbligato per favorire sviluppo e competitività

07/dic/2011 16.48.10 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Agricoltura: l’aggregazione dei produttori è un passaggio
obbligato per favorire sviluppo e competitività
 
Il presidente della Cia Giuseppe Politi, con alcuni presidenti regionali e provinciali dell’Organizzazione, incontra a Bruxelles il vicepresidente del Parlamento europeo Gianni Pittella.
 
Aggregazione dei produttori, rafforzamento della filiera agroalimentare, un ruolo forte e protagonista degli agricoltori. Sono questi temi affrontati in un incontro, oggi a Bruxelles, tra il vicepresidente del Parlamento europeo Gianni Pittella e il presidente della Cia-Confederazione italiana agricoltori Giuseppe Politi, accompagnato da alcuni presidenti regionali e provinciali dell’organizzazione e dal responsabile della sede Cia di Bruxelles Roberto Scalacci.
“i grandi cambiamenti che stanno disegnando un nuovo scenario dell’agricoltura e non solo a livello italiano ed europeo, ma anche mondiale, impongono -ha affermato Politi- scelte mirate e realmente propulsive. Gli agricoltori, oggi l’anello più debole della filiera, devono assumere un ruolo diverso e centrale. Ecco, quindi, l’esigenza di favorire un processo unitario che permetta una reale aggregazione dei produttori. In questo senso nell’Ue si sono fatti importanti passi avanti, ma siamo ancora lontani dal raggiungere l’obiettivo prefissato”.
“In Italia, come evidenziato anche dai primi dati del sesto Censimento Istat, siamo in una situazione di retroguardia. Bisogna, pertanto, muoversi e al più presto per  dare una voce forte al mondo agricolo, ai produttori che devono contare veramente nel contesto della filiera”.
Il vicepresidente Pittella, che ha condiviso le preoccupazioni della Cia, ha riaffermato il suo impegno affinché anche a livello di Parlamento europeo si affronti con decisione il problema del potere contrattuale dei produttori agricoli. Bisogna che nella filiera agroalimentare ci sia equità nei ruoli, altrimenti c’è il rischio di un pericoloso sbilanciamento a vantaggio di pochi. L’agricoltura deve assumere una dimensione diversa e più propulsiva.
 

______________________________________
Settore Comunicazione e Immagine
CIA- Confederazione italiana agricoltori
Via Mariano Fortuny, n. 20
00196-ROMA
Tel. 06-3227008
Fax 06-3208364
E-mail: cia.informa@cia.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl