ComSt - Roma, metro B1 e C. I lavoratori dicono NO ai licenziamenti e tutele per il lavoro. Delega ai sindacati Feneal, Filca e Fillea per trovare un accordo

Allegati

14/lug/2011 14.00.56 Ufficio Stampa Punto a Capo Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
COMUNICATO STAMPA

Roma, metro B1 e C. I lavoratori dicono NO ai licenziamenti e tutele per il lavoro. Delega ai sindacati Feneal, Filca e Fillea per trovare un accordo.

 
Ieri, 13 luglio, si è tenuto un partecipato attivo dei delegati sindacali delle imprese impegnate nei cantieri per la realizzazione delle linee metropolitane di Roma, B1 e C. La vicenda di questi cantieri è tristemente nota: 300 dipendenti diretti dei 2 consorzi impegnati nei cantieri sono stati dichiarati ufficialmente ‘esuberi’ e altri 700 dipendenti di imprese affidatarie e subappaltatrici sono chiaramente a rischio, in quanto dal ridimensionamento dei cantieri potrebbero derivare problemi tecnici, economici e di progettazione che li vedrebbero inevitabilmente coinvolti.

Più di 1.000 posti a rischio, dunque, in un momento delicato come quello che sta attraversando il settore delle costruzioni nel Lazio.

Le segreterie provinciali di Feneal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil, hanno evidenziato che: “I lavori per la rete metropolitana di Roma rappresentano l’unica vera certezza di continuità lavorativa in considerazione dei progetti in essere relativi alla tratta Rebibbia-Casal Monastero, al prolungamento della tratta B1 e l’evolversi del progetto D, di cui ci auspichiamo l’immediato avvio.”

Le segreterie così continuano: “Il lavoro è una priorità assoluta ed irrinunciabile, quindi, in sostituzione di qualsiasi forma di licenziamento o incentivazione alle dimissioni, chiediamo il ricorso agli ammortizzatori sociali, in attesa della futura ripresa dei cantieri della mobilità romana. I delegati, all’unanimità, ci hanno dato mandato di rappresentarli presso le sedi istituzionali per raggiungere un accordo contenente una clausola di salvaguardia a tutela dei livelli occupazionali di tutti i dipendenti coinvolti, a qualsiasi titolo contrattuale, nei cantieri metro C e B1”.

Roma, 14 luglio 2011

Per info

Feneal Uil Anna Pallotta 348/7303724 
Filca Cisl Attilio Vallocchia 335/5963280    
Fillea Cgil Marco Carletti 328/7562488

Servizio esterno Ufficio Stampa Punto a Capo
Francesca Marrucci
ufficiostampa@puntoacapo.info
www.puntoacapo-international.com
Tel. 0695557480 - 3333876830

Per cancellarsi dal servizio, inviare una mail con oggetto CANCELLAMI a questo stesso indirizzo.
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl