Inflazione: il crollo dei prezzi sui campi "raffredda" gli alimentari. E il caro-gasolio rincara la dose, appesantendo le imprese agricole

29/lug/2011 13.17.47 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Inflazione: il crollo dei prezzi sui campi “raffredda” gli alimentari.
E il caro-gasolio rincara la dose, appesantendo le imprese agricole
 
Ma anche se a luglio le quotazioni sugli scaffali scendono lievemente, secondo la Cia il carrello della spesa degli italiani resta vuoto.
 
        Il “caro-benzina” mantiene alta l’inflazione a luglio (più 2,7 per cento) e pesa come un fardello sugli agricoltori, aumentando sensibilmente i costi di produzione per le imprese. Nonostante questo, nel corso del mese i prezzi degli alimentari hanno cominciato a “raffreddarsi”, calando dello 0,8 per cento su base congiunturale e attestandosi al più 2,3 per cento sull’anno (in netta decelerazione dal più 3 per cento di giugno). Merito soprattutto dell’andamento dei prodotti non lavorati, che sono diminuiti del 2,6 per cento su base mensile, principalmente per effetto del calo drastico dei prezzi di frutta (meno 11,4 per cento) e vegetali (meno 5,5 per cento). Lo afferma la Cia-Confederazione italiana agricoltori, commentando le stime diffuse oggi dall’Istat.
         L’agricoltura, quindi, contribuisce a contenere la “corsa” degli alimentari e tiene stabile l’inflazione -spiega la Cia- facendo da contrappeso all’ennesimo aumento delle quotazioni di energetici e trasporti. E tutto mentre il settore vive un momento di fortissima crisi, con prezzi sui campi non remunerativi (proprio i listini dell’ortofrutta sono crollati all’origine del 20 per cento in media) e con costi di produzione record, frutto del “boom” del gasolio agricolo (più 17 per cento a luglio).
        Finora, però, la lieve flessione dei prezzi alimentari non ha aiutato i consumi a risalire la china. Il carrello della spesa degli italiani resta vuoto -conclude la Cia- con riduzioni significative per frutta e agrumi (meno 8,7 per cento), pesce (meno 7,5 per cento), latte e formaggi (meno 6,3 per cento) e carne bovina (meno 5,1 per cento).
 

______________________________________
Settore Comunicazione e Immagine
CIA- Confederazione italiana agricoltori
Via Mariano Fortuny, n. 20
00196-ROMA
Tel. 06-3227008
Fax 06-3208364
E-mail: cia.informa@cia.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl