Lotta al manifesto selvaggio. La Polizia Locale di Tarquinia rimuove oltre cento cartelloni mobili abusivi.

La Polizia Locale di Tarquinia rimuove oltre cento cartelloni mobili abusivi..

Persone Porto Clementino, Vincenzo Cardarelli, Mauro Mazzola, San Giusto
Luoghi Tarquinia
Argomenti strada

05/ago/2011 14.36.28 Dabel Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Cartellino rosso al manifesto selvaggio. Su disposizione del sindaco di Tarquinia Mauro Mazzola, la Polizia Locale ha avviato un’azione di contrasto all’affissione abusiva. I vigili urbani hanno rimosso oltre cento cartelloni mobili irregolari pubblicizzanti eventi e manifestazioni posti alla base di alberi, pali della luce e segnali stradali. La bonifica ha interessato il parcheggio della Barriera San Giusto, la circonvallazione Vincenzo Cardarelli, l’ex provinciale Porto Clementino, tra l’incrocio con via Aurelia Vecchia e il cavalcavia della stazione ferroviaria, e parte di via Porto Clementino al Lido. I controlli proseguiranno anche nei prossimi giorni nelle principali vie della località balneare e nelle strade più trafficate della città. «Il provvedimento è un segnale forte per affermare non solo il decoro urbano ma soprattutto la cultura del rispetto e della pulizia. – dichiara il primo cittadino – E non va dimenticato l’aspetto della sicurezza stradale, perché spesso i cartelloni sono affissi sulla segnaletica stradale verticale degli incroci». Intanto, dopo l’approvazione nei mesi scorsi del nuovo regolamento delle affissioni e della pubblicità, si sta per concludere l’iter amministrativo del piano generale degli impianti pubblicitari, che porrà particolare attenzione alla tutela dell’ambiente e del patrimonio urbanistico ed edilizio. Aspetto quest’ultimo da non sottovalutare, in considerazione dell’espansione dell’area urbana e del consistente aumento della popolazione tarquiniese.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl