Istat: le vendite alimentari ristagnano e il carrello della spesa è sempre più vuoto

Istat: le vendite alimentari ristagnano e il carrello della spesa è sempre più vuoto.

Organizzazioni ISTAT, CIA
Argomenti commercio, economia

30/ago/2011 13.35.12 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Istat: le vendite alimentari ristagnano e il carrello della spesa è sempre più vuoto
 
Secondo la Cia, le famiglie italiane continuano a risparmiare sulla tavola: comprano poco e con le promozioni, abbandonando il “classico” supermercato per il discount, ovvero la “quintessenza” del low-cost.
 
        
Le vendite sono ferme, le famiglie “tagliano” e le borse della spesa languono. Lo dimostrano i dati Istat sul commercio al dettaglio a giugno, che evidenziano un andamento piatto, stagnante. In particolare i consumi alimentari registrano una variazione nulla sia a livello congiunturale che tendenziale, rimediando solo un aumento dello 0,2 per cento nel complessivo del primo semestre 2011: un “rialzo” talmente leggero che non serve neppure a coprire le perdite subite nel triennio precedente. Lo afferma la Cia-Confederazione italiana agricoltori, commentando i dati diffusi oggi dall’Istituto nazionale di statistica.
        Gli italiani, quindi, continuano a tirare la cinghia -spiega la Cia- e a tavola ricercano la promozione e il prezzo più basso, risparmiando anche sulla qualità. Tanto che anche a giugno l’unica tipologia commerciale che resta su valori moderatamente positivi è il discount, con un incremento annuo dell’1,5 per cento. All’opposto, gli ipermercati crollano al meno 1,7 per cento, le botteghe di quartiere al meno 1,5 per cento e i supermercati devono accontentarsi di un misero più 0,4 per cento.
        Ma la “cura dimagrante” al carrello della spesa è evidente anche guardando i dati sulla domanda domestica nei primi mesi del 2011: calano drasticamente -ricorda la Cia- i consumi di frutta e agrumi (meno 8,7 per cento), pesce (meno 7,5 per cento), pane (meno 7,1 per cento), latte e formaggi (meno 6,3 per cento), carne rossa (meno 5,1 per cento).

______________________________________
Settore Comunicazione e Immagine
CIA- Confederazione italiana agricoltori
Via Mariano Fortuny, n. 20
00196-ROMA
Tel. 06-3227008
Fax 06-3208364
E-mail: cia.informa@cia.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl