Ortofrutta: Francia e Spagna stringono accordi e dall'Italia solo silenzio

Ortofrutta: Francia e Spagna stringono accordi e dall'Italia solo silenzio.

Persone Rosa Aguilar, Bruno Le, Giuseppe Politi, Maire
Luoghi Italia, Europa, Francia, Spagna
Organizzazioni Unione Europea, CIA
Argomenti politica, economia, commercio, diritto, ministeri, istituzioni

07/set/2011 16.03.21 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Ortofrutta: Francia e Spagna stringono accordi e dall’Italia solo silenzio

Il presidente della Cia Giuseppe Politi sottolinea l’esigenza che il nostro governo si attivi immediatamente per portare avanti un’azione adeguata concordata con il mondo agricolo e le regioni. Condivisibili i punti messi in risalto dai ministri transalpino e iberico. D’accordo sul principio della reciprocità. Più forza al potere contrattuale dei produttori.

 “L’Italia è il primo produttore ortofrutticolo in Europa, ma corre il serio pericolo di andare a rimorchio di Spagna e Francia che hanno saldato un vero ‘patto’ per tutelare le loro produzioni e far valere le loro ragioni in campo europeo. Da parte del nostro governo, soprattutto alla vigilia di importanti decisioni comunitarie come la riforma post 2013 della Pac, c’è in materia un silenzio assordante. Come al solito, saremo costretti a subire decisioni che vengano prese da paesi che hanno reale interesse a difendere e valorizzare l’agricoltura”. Così si è espresso il presidente della Cia-Confederazione italiana agricoltori Giuseppe Politi in merito all’intesa tra i ministri agricoli transalpino Bruno Le Maire e iberico Rosa Aguilar per una nuova regolamentazione Ue dei mercati dei prodotti ortofrutticoli.

          “Gli impegni che hanno preso i ministri francese e spagnolo sono importanti e -rimarca Politi- condivisibili. Sconcerta, però, l’atteggiamento del nostro governo che su un argomento così importante per l’agricoltura italiana, soprattutto in una fase che vede i produttori ortofrutticoli italiani vivere una situazione di drammatica difficoltà, con prezzi in caduta libera e costi in ascesa, si sta completamente defilando, lasciando ad altri paesi il ‘boccino’ in mano. In questo modo rischiamo di essere tagliati fuori dai giochi e di entrare in partita quando è ormai tutto fatto”.

          “Il patto Francia-Spagna -avverte il presidente della Cia- si basa su quattro fondamentali punti che trovano la nostra condivisione. Oltre alla proposta di nuovi strumenti per la gestione delle crisi di settore e all’esigenza di una maggiore trasparenza sui mercati di prodotti ortofrutticoli, troviamo estremamente interessante la necessità di rendere più efficace il meccanismo di ‘prezzo d'entrata’ in modo da contribuire a una maggiore chiarezza dei flussi commerciali con i paesi terzi e a un migliore seguito degli accordi commerciali”.

“Giustamente -sottolinea Politi- i due ministri sostengono che il principio della reciprocità delle norme deve essere applicato ai negoziati commerciali multilaterali. D’altra parte, non si può tollerare che l'agricoltura debba essere la variabile d'adeguamento del commercio mondiale”.

          “Pienamente d’accordo -dice il presidente confederale- anche sul fatto che è sempre più necessario -e come Cia lo abbiamo evidenziato più volte- un miglioramento dell’organizzazione di produzione attraverso il rafforzamento del potere di negoziazione dei produttori. Rafforzamento che -come affermano i due ministri- passa attraverso l’adattamento delle norme giuridiche europee sulla concorrenza”.

          “A questo punto -conclude Politi- sollecitiamo il nostro governo a muoversi in maniera tempestiva e a concordare con il mondo agricolo e le regioni le azioni più opportune per dare garanzie e certezze all’ortofrutta italiana”.

______________________________________
Settore Comunicazione e Immagine
CIA- Confederazione italiana agricoltori
Via Mariano Fortuny, n. 20
00196-ROMA
Tel. 06-3227008
Fax 06-3208364
E-mail: cia.informa@cia.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl