Sanità Lazio – Tulli ( Uil Fpl ): “ Togliere il ticket 10 euro ed investire in nuovi macchinari”

Sanità Lazio - Tulli (Uil Fpl): " Togliere il ticket 10 euro ed investire in nuovi macchinari".

Persone Renata Polverini, Claudio Tulli
Luoghi Roma, Lazio, Bracciano
Organizzazioni Uil Fpl
Argomenti medicina, economia, ospedale

12/set/2011 13.21.10 Dr. Pietro Bardoscia Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
E’ passato più di un anno dal nostro grido di allarme nel quale consideravamo la grave carenza di macchinari per la Risonanza Magnetica in 3 Asl Romane ( Asl Roma F, Asl Roma A e Asl Roma G), in territori, tra l’altro, dove risiedono oltre un milione di cittadini; ad oggi la situazione non è mutata, anzi, registriamo persino un peggioramento dei tempi di attesa su tutti gli esami di Risonanza Magnetica superando abbondantemente i 200/ 300 giorni. Lo dice in una nota il Segretario responsabile della Uil Fpl di Roma Claudio Tulli. Inoltre la Uil Fpl di Roma ha criticato duramente l’introduzione del ticket di 10 euro su tutte le prestazioni sanitarie che nel Lazio è stato introdotto nel Luglio 2011, ritenuto dal nostro sindacato del tutto iniquo. Non è possibile - prosegue Tulli – che per un semplice esame, ad esempio l’ Emocromo Completo di 3,31 euro, un cittadino sia costretto a pagare 17,31 ( ossia il costo dell’esame previsto dall’attuale Nomenclatore Regionale, più i 10 euro del nuovo ticket + altri 4 euro relativi alla quota fissa introdotta 3 anni fà ) o per effettuare una Risonanza Magnetica un cittadino sia costretto, oltre ad attendere quasi un anno, a pagare 61,15 euro contro i 36,15 che si pagavano sino al 2006-2007. In generale, in poco più di 5 anni, vi è stato un aumento del costo delle visite specialistiche ed esami diagnostici strumentali che si aggira intorno al 100% circa. Alla luce di questa grave situazione rivolgiamo un appello, per sostituire questo vergognoso ticket in quanto non è ne’ possibile ne morale fare cassa sulla salute e diciamo all’attuale Presidente della Giunta Regionale del Lazio On. Renata Polverini di attuare finalmente quegli investimenti necessari a migliorare i servizi sanitari per i cittadini, a partire dai nuovi macchinari di Risonanza Magnetica, dopo aver effettuato per anni tagli sulla sanità, con il blocco del turn over, con la riduzione dei posti letto e con riconversioni di Ospedali a volte imbarazzanti , come dimostra il caso della sentenza del Tar contro la chiusura del Pronto Soccorso dell’Ospedale Padre Pio di Bracciano. Ufficio Stampa Uil Fpl Roma
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl