Agricoltura: per le nocciole italiane una campagna a "cinque stelle", ma i costi restano alti

Agricoltura: per le nocciole italiane una campagna a "cinque stelle", ma i costi restano alti.

Luoghi Italia, Turchia, provincia di Viterbo
Organizzazioni CIA
Argomenti economia, agricoltura, commercio

28/set/2011 15.40.24 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Agricoltura: per le nocciole italiane una campagna a “cinque stelle”, ma i costi restano alti
 
Secondo la Cia, la produzione quest’anno supererà le 100 mila tonnellate, con un aumento del 10 per cento sull’anno precedente. Ottima la qualità. Complice il calo del raccolto in Turchia, i prezzi sui campi saliranno lievemente rispetto al 2010.
 
Tante, buone e poco più care dell’anno scorso. Promette bene la raccolta delle nocciole stando alle prime stime della campagna 2011. A fare la felicità dei consumatori italiani sarà l’arrivo a breve sulle tavole italiane di un prodotto particolarmente gustoso e di ottima qualità grazie al clima favorevole. I produttori invece già sorridono, perché le performance negative della raccolta turca permetteranno agli agricoltori di poter vendere a prezzi più remunerativi rispetto a quelli degli anni scorsi. Le previsioni sono della Cia-Confederazione italiana agricoltori, secondo cui la produzione nazionale supererà quest’anno le 103 mila tonnellate, con un incremento tendenziale del 10 per cento, tornando così nella media del triennio 2007-2009 dopo un 2010 in sensibile ribasso.
Il clima caldo e asciutto nella fase di raccolta -spiega la Cia- ha portato a un miglioramento della qualità. Stiamo assistendo, quindi, a una buona campagna ulteriormente favorita dal calo della produzione del competitor turco, primo produttore al mondo del piccolo frutto coriaceo, per cui quest’anno si prevede una contrazione del 15 per cento a causa delle abbondanti piogge e dei dissesti idrogeologici. Ottenendo il risultato peggiore dell’ultimo decennio, le nocciole turche fanno un favore ai nostri produttori che vedranno salire il prezzo al quintale dai 215 euro della campagna 2010 a 230/240 euro, compensando parzialmente l’aumento dei costi di produzione, che si aggirano sui 2.000-2.500 euro all’ettaro.
Buone notizie, quindi, per un prodotto d’eccellenza, che in Italia -continua la Cia- occupa una superficie complessiva di 67.270 ettari e viene coltivato soprattutto in tre zone circoscritte del Paese: l’Alta Langa piemontese, dove nasce la “Tonda gentile” protetta dall’Igp, la campagna salernitana e la provincia di Viterbo, che detiene il primato nazionale della produzione, con una quantità media di 40 mila tonnellate, distribuita su una superficie agricola di 18 mila ettari di piantagioni, dedicati principalmente alla cosiddetta “Tonda gentile romana”.
 
 

 

______________________________________
Settore Comunicazione e Immagine
CIA- Confederazione italiana agricoltori
Via Mariano Fortuny, n. 20
00196-ROMA
Tel. 06-3227008
Fax 06-3208364
E-mail: cia.informa@cia.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl