Istat: cala il potere d'acquisto, famiglie costrette a "tagliare" anche sulla tavola

29/set/2011 13.17.32 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Istat: cala il potere d’acquisto, famiglie costrette a “tagliare” anche sulla tavola
 
Secondo la Cia, le minori disponibilità economiche degli italiani continuano a riflettersi sui consumi alimentari. Crollano pane (meno 8,5 per cento), pesce (meno 4,8 per cento) e carne (meno 3,2 per cento) e sale al 40 per cento la quota di famiglie che ricorre quasi esclusivamente a discount e prodotti “low-cost”. Ora l’aumento dell’Iva rischia di dare il colpo di grazia.
 
         
I consumi sono fermi, le vendite non ingranano e le borse della spesa languono. Lo dimostrano i dati Istat sul reddito delle famiglie nel secondo trimestre dell’anno, che evidenziano una nuova perdita del potere d’acquisto (meno 0,3 per cento tendenziale e meno 0,2 per cento sui tre mesi precedenti). La conseguenza è che gli italiani continuano a comprare poco e, quando lo fanno, passano per sconti e promozioni. Anche per la tavola le famiglie spendono di meno, modificando abitudini alimentari e cercando il risparmio nei discount. Lo afferma la Cia-Confederazione italiana agricoltori, commentando i risultati dell’indagine dell’Istituto nazionale di statistica.
        Nei primi sei mesi del 2011, infatti, i consumi alimentari diminuiscono ulteriormente -spiega la Cia- e a farne le spese non sono soltanto i prodotti “superflui” ma anche quelli di prima necessità: il pane crolla dell’8,5 per cento e il pesce del 4,8 per cento; la domanda di carne rossa scende del 3,2 per cento e quella di frutta del 2,7 per cento. Non si salva neppure la pasta, che subisce una flessione dell’1,6 per cento.
        Ma l’attenzione al risparmio da parte degli italiani in questa fase di crisi è evidente anche dai dati relativi alle tipologie commerciali. Sebbene perdano terreno tutti gli esercizi indistintamente -continua la Cia- ad accusare di più i carrelli vuoti sono gli ipermercati, che calano del 2,7 per cento tra gennaio e luglio. A “tenere” sono solo i discount, le cattedrali dell’offerta, registrando un più 0,9 per cento nel primo semestre dell’anno. D’altra parte, ci sono prodotti che ormai gli italiani vanno a cercare solo nei regni del low-cost. Prima fra tutti la carne rossa, che segna un “boom” di acquisti negli hard-discount (più 17,9 per cento) mentre precipita giù del 9,2 per cento nelle botteghe di quartiere.
        Insomma, continua a crescere anche nel 2011 la quota di famiglie che, proprio a causa delle difficoltà economiche e del risparmio “al minimo”, compra prodotti alimentari di qualità inferiore e ricorre quasi esclusivamente alle promozioni commerciali: era pari al 30 per cento nel 2010 -osserva la Cia- sale fino al 40 per cento quest’anno.
        Ora l’aumento dell’Iva di un punto percentuale rischia di dare il colpo di grazia ai consumi. I carburanti sono già aumentati -conclude la Cia- e questo incremento inciderà su tutti i beni che vengono trasportati, quindi anche su quelli che mantengono l’Iva al 4 per cento come la maggior parte dei prodotti alimentari. C’è il serio rischio che l’Iva maggiorata possa tradursi in un calo dell’1,5 per cento dei consumi a tavola.

______________________________________
Settore Comunicazione e Immagine
CIA- Confederazione italiana agricoltori
Via Mariano Fortuny, n. 20
00196-ROMA
Tel. 06-3227008
Fax 06-3208364
E-mail: cia.informa@cia.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl