Crisi: subito un nuovo governo autorevole. Bene la scelta di Mario Monti. Ma serve più attenzione per l'agricoltura in crisi

Ma serve più attenzione per l'agricoltura in crisi Il presidente della Cia Giuseppe Politi, in occasione del Forum agroalimentare di Cremona, sottolinea l'esigenza di fare presto ed evitare ulteriori conseguenze per l'economica.

Persone Giorgio Napolitano, Giuseppe Politi, Mario Monti
Luoghi Italia, Cremona
Organizzazioni Camera dei deputati, Senato, CIA
Argomenti politica, istituzioni, parlamento

11/nov/2011 11.41.17 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Crisi: subito un nuovo governo autorevole. Bene la scelta di Mario Monti. Ma serve più attenzione per l’agricoltura in crisi
 
Il presidente della Cia Giuseppe Politi, in occasione del Forum agroalimentare di Cremona, sottolinea l’esigenza di fare presto ed evitare ulteriori conseguenze per l’economica. Serve una vera riforma della politica agraria nazionale.
 
“Subito un governo forte e autorevole che ci permetta di riacquistare credibilità nel contesto internazionale. Ma bisogna fare in fretta per evitare ulteriori conseguenze all’economica e al sistema imprenditoriale del nostro Paese. Apprezziamo, quindi, l’operato del Capo dello Stato Giorgio Napolitano e condividiamo la possibile scelta di Mario Monti a premier. Una persona di alto profilo, di indubbia capacità e competenza e di comprovata esperienza a livello europeo, che crediamo possa essere nelle condizioni di affrontare le attuali gravi difficoltà e dare risposte efficaci che la società italiana attende. E’, però, importante che il nuovo esecutivo, che auspichiamo possa agire in tempi rapidi, riservi una reale attenzione all’agricoltura, i cui problemi in questi ultimi anni sono stati completamente ignorati”. Lo ha affermato il presidente della Cia-Confederazione italiana agricoltori Giuseppe Politi in occasione del Forum nazionale dell’agroalimentare di Cremona.
“L’Italia si trova oggi in una situazione estremamente delicata. C’è l’esigenza impellente -ha aggiunto Politi- di una svolta. Andare alle urne potrebbe aggravare lo scenario e provocare ulteriori guasti al nostro sistema economico. Pensiamo, dunque, che la soluzione migliore -come affermato anche in un ordine del giorno approvato dalla Giunta nazionale della Cia- è quella che sta perseguendo il presidente della Repubblica. Per la nostra Confederazione è indispensabile formare un nuovo governo, espressione di tutte le forze politiche presenti in Parlamento, in grado di risolvere con determinazione i problemi sul tappeto, di rassicurare i mercati finanziari, di predisporre un provvedimento per lo sviluppo che contenga anche misure per la competitività delle imprese agricole e che proponga modifiche alla legge elettorale per ridare ai cittadini la facoltà di scegliere i propri rappresentanti da eleggere al Senato e alla Camera”.
“Per noi è, tuttavia, fondamentale che tra gli obiettivi del nuovo governo ci sia una vera riforma della politica agraria nazionale, che diventa -ha concluso il presidente della Cia- un passaggio obbligato per rispondere alle difficili sfide poste dalla Politica agricola comune 2014-2020”.
 

______________________________________
Settore Comunicazione e Immagine
CIA- Confederazione italiana agricoltori
Via Mariano Fortuny, n. 20
00196-ROMA
Tel. 06-3227008
Fax 06-3208364
E-mail: cia.informa@cia.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl