Alimentare: autunno in calo per il radicchio "made in Italy". La produzione scende , ma non tocca le varietà di nicchia

La produzione scende, ma non tocca le varietà di nicchia.

Luoghi Italia, Puglia, Veneto, Abruzzo, Treviso, Chioggia, provincia di Venezia
Organizzazioni CIA
Argomenti economia, agricoltura, commercio

11/nov/2011 14.37.02 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Alimentare: autunno in calo per il radicchio “made in Italy”. La produzione scende, ma non tocca le varietà di nicchia 
 
Secondo la Cia, per la cicoria rossa si preannuncia una contrazione media dei volumi del 30 per cento, complici gli effetti del “batterio killer” sui consumi di ortofrutta. Una battuta d’arresto per un comparto che nel 2010 ha raggiunto le 280 mila tonnellate. Ma mentre crolla la produzione di largo consumo (meno 40-50 per cento per il Chioggia), il Rosso tardivo di Treviso e il Variegato di Castelfranco non conoscono crisi.
 
In tempi di crisi è sempre il lusso a farla franca. In un certo senso questo adagio vale anche per il radicchio “made in Italy”. Una produzione di successo che subisce ora una battuta d’arresto, ma perfettamente circoscritta: la flessione, infatti, coinvolge le varietà di largo consumo e risparmia completamente le “nicchie” più costose. Lo afferma la Cia-Confederazione italiana agricoltori, fornendo le prime stime sull’andamento della campagna d’autunno della cicoria rossa.
Mentre nel trevigiano il clima caldo dell’autunno ha ritardato la piena maturazione e dunque la raccolta del “Rosso tardivo”, si inizia a delineare l’andamento complessivo della stagione, che fa prevedere un calo medio dei volumi del 30 per cento. A pagare di più, però, è la varietà di Chioggia, la più comune e la più economica, che da sola rappresenta oltre la metà di tutti gli altri radicchi veneti con 30 mila tonnellate prodotte soltanto nel comune d’origine. Ma che adesso -spiega la Cia- fa registrare una riduzione compresa tra il 40 e il 50 per cento.
Invece non perdono “appeal” e quote di mercato le varietà più “nobili”, che si sono rivelate immuni al crollo generalizzato dei consumi ortofrutticoli dopo lo tsunami “batterio killer”. Nello specifico -sottolinea la Cia- si stima una produzione pressoché stabile per la varietà tardiva di Treviso Igp, che si dovrebbe attestare sui 550 mila chili. Ancora meglio fa il Variegato di Castelfranco Igp, per il quale si prevede un aumento produttivo del 27 per cento. Un rialzo che conferma il suo trend da record, legato soprattutto all’ampliamento di terreno certificato: infatti, se nel 2009-2010 si producevano 189.080 chili di Variegato di Castelfranco (più 57 per cento rispetto all’annata precedente), nel 2010-2011 si è giunti a quota 262.508 chili, mettendo a segno una crescita tendenziale del 38 per cento.
Insomma, a pagare a caro prezzo l’ultimo allarme alimentare in ordine di tempo sono solo i produttori del radicchio più a buon mercato, i più diffusi e utilizzati, che in molti casi a luglio hanno rinunciato a seminare -continua la Cia- scoraggiati dai prezzi sui campi, che nei mesi scorsi hanno toccato i 5-10 centesimi al chilo, contro i 35 centesimi al chilo solo di costi produttivi. Uno squilibrio dovuto agli effetti del “batterio killer”, responsabile del crollo estivo del 20 per cento dei consumi di ortofrutta nel Paese. Proprio per evitare di continuare a produrre in perdita, in vista della campagna d’autunno molti agricoltori, soprattutto in provincia di Venezia, hanno deciso di ridurre la superficie destinata alla coltivazione della cicoria rossa.
Il radicchio resta comunque un prodotto molto amato dagli italiani: solo nel 2010 gli acquisti medi si sono aggirati attorno ai 2,6 chili annui per famiglia, con una spesa di 136 milioni di euro: una cifra cresciuta del 24 per cento rispetto al 2009 e addirittura del 64 per cento rispetto alla media degli anni 2007-2008. Un grande successo per un mercato -rileva la Cia- che dà sempre più spazio alle varietà di nicchia, proprio quelle che sugli scaffali costano di più: circa 10 euro al chilo per il rosso di Treviso contro i 2-3 euro al chilo per quello di Chioggia.
D’altro canto, se la produzione autunnale scende, le buone notizie per gli agricoltori vengono dai prezzi all’origine, che riprendono terreno rispetto alle campagne precedenti. Proprio per il radicchio di Chioggia si registrano gli incrementi più significativi sui campi: dai pochi centesimi al chilo dei mesi scorsi -osserva la Cia- si è arrivati all’euro di questo autunno; ma anche per il tardivo il prezzo sale del 20 per cento, arrivando a sfiorare i 5 euro al chilo, mentre a restare pressoché stabile è il listino all’origine del Variegato, che si ferma a 2-2,50 euro.
          La produzione complessiva di radicchio in Italia -ricorda la Cia- si aggira intorno alle 280 mila tonnellate (dati 2010): rappresenta il 32 per cento della produzione totale nazionale di insalate, preceduta solo dalla lattuga con il 42 per cento. Da solo, il Veneto rappresenta il 54 per cento della produzione nazionale, seguito dalla Puglia e dall’Abruzzo al secondo e terzo posto. 
 

______________________________________
Settore Comunicazione e Immagine
CIA- Confederazione italiana agricoltori
Via Mariano Fortuny, n. 20
00196-ROMA
Tel. 06-3227008
Fax 06-3208364
E-mail: cia.informa@cia.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl