Pomodoro: stringere i tempi per il Distretto del Sud

23/nov/2011 11.38.30 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Pomodoro: stringere i tempi per il Distretto del Sud
 
Il presidente della Cia Giuseppe Politi ribadisce l’importanza di questo strumento. Occorre dare più forza alla filiera e tutelare i redditi dei produttori agricoli.
 
E’ sempre più urgente dare il via alla costituzione del Distretto del pomodoro del Sud. Lo sottolinea la Cia-Confederazione italiana agricoltori per la quale rappresenta un passaggio importante per dare più forza alla filiera e reale tutela ai redditi dei produttori agricoli.
D’altra parte, “questa proposta -ricorda il presidente nazionale Giuseppe Politi- era stata presentata dalla Confederazione nel convegno di Foggia del gennaio scorso e aveva ricevuto l’apprezzamento della stragrande maggioranza dei rappresentanti della filiera”. Non solo. In questi giorni l’assessore all’Agricoltura della Regione Puglia Dario Stefàno, in un’iniziativa promossa dai rappresentanti dell’industria e dei sindacati dei lavoratori ha ribadito il suo fattivo interesse per il distretto.
“Ora -aggiunge Politi- occorre agire con tempestività, coinvolgendo tutte le Regioni del Mezzogiorno, in modo da avere se non il Distretto compiuto, almeno un Tavolo promotore attivo per programmare al meglio già la prossima campagna di produzione, come da due anni avviene per il Nord”.
La programmazione è, infatti, necessaria -rimarca la Cia- per organizzare la filiera, accrescere la qualità e favorire redditi soddisfacenti per gli operatori.
La filiera del pomodoro trasformato nel Sud, a partire dalla produzione dei pelati, è uno dei simboli identitari della qualità agricola alimentare italiana, che interessa -afferma la Cia- migliaia di agricoltori e decine di stabilimenti industriali meridionali, con una forte propensione all’esportazione”.
Quest’anno, a inizio campagna, è stato fissato un limite massimo di coltivazione di circa 28.000 ettari, a fronte dei 36.000 della scorsa campagna, mentre le quantità individuate come limite massimo trasformabile sono state -rileva la Cia- di circa 26 milioni di quintali.
La campagna è andata molto bene perché -conclude la Cia- questi dati sono stati rispettati, con una leggera flessione fisiologica che ha portato il totale consegnato alla trasformazione a circa 24 milioni di quintali. 
 

______________________________________
Settore Comunicazione e Immagine
CIA- Confederazione italiana agricoltori
Via Mariano Fortuny, n. 20
00196-ROMA
Tel. 06-3227008
Fax 06-3208364
E-mail: cia.informa@cia.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl