"Agriyou-Terra giovane": la sicurezza alimentare al centro dell'incontro Agia-Cia. Più sviluppo agricolo e regole sui mercati

Al centro del seminario dell'Agia a Valenzano (Bari) il rapporto tra la Pac e la questione aperta della nutrizione mondiale.

Persone Cosimo Lacirignola, Antonio Barile, Dario Stefàno, Luca Brunelli, Vincenzo Netti, Alberto Giombetti
Luoghi Puglia, Verona, Bari, Valenzano, Pescara, provincia di Bari
Organizzazioni Agia-Cia, Banca Mondiale, Unione Europea, CIA, Roma
Argomenti economia, commercio, agricoltura, finanza, industria

13/dic/2011 14.47.28 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
“Agriyou-Terra giovane”: la sicurezza alimentare al centro dell’incontro Agia-Cia. Più sviluppo agricolo e regole sui mercati
 
I giovani imprenditori della Confederazione si aspettano dalla Ue misure concrete per garantire l’approvvigionamento globale. Al centro del seminario dell’Agia a Valenzano (Bari) il rapporto tra la Pac e la questione aperta della nutrizione mondiale.
 
Nelle strategie economiche mondiali l’agricoltura è destinata a giocare un ruolo sempre più centrale. E questo perché è lo strumento per garantire l’approvvigionamento globale in un mondo che conta ancora un miliardo di persone affette da malnutrizione. Uno degli obiettivi dichiarati della futura Pac è proprio la sicurezza alimentare, ma nei fatti nella versione attuale della riforma mancano misure realmente valide perché questo proposito si traduca in realtà. Per questo è necessario un negoziato efficace che inserisca provvedimenti che da una parte incrementino la produzione agricola mondiale e, dall’altra, garantiscano l’accesso al cibo soprattutto per le popolazioni del Sud del mondo. È quanto emerge dal seminario “Salvaguardia della capacità di produzione della Unione europea a garanzia della sicurezza degli approvvigionamenti alimentari”, organizzato dall’Agia, l’Associazione dei giovani imprenditori della Cia-Confederazione italiana agricoltori, che si è svolto ieri e oggi a Valenzano (Bari).
“La chiave dell’economia globale dei prossimi decenni -ha affermato Alberto Giombetti, coordinatore della Giunta nazionale, intervenendo al seminario- dovrà essere lo sviluppo agricolo dei Paesi poveri. Ma oltre ad aumentare la produttività, è prioritario regolare i mercati, per evitare le conseguenze catastrofiche che le speculazioni sulle materie prime possono avere proprio sull’accesso al cibo”.
“Il problema non è solo quantitativo. Sicuramente -rimarca Vincenzo Netti, membro della giunta nazionale dell’Agia- va incrementata la produzione mondiale di prodotti agricoli. Ma ciò non basta. Bisogna renderla disponibile anche ai Paesi poveri. Tanto più che l’agricoltura contemporanea di fatto già produce cibo per sfamare tutti. Basti pensare che nel 2007 ogni persona poteva contare su 2700 Kcal al giorno, eppure nel biennio 2007-2008 il “boom” delle quotazioni delle materie prime agricole ha causato rincari sui prezzi degli alimentari tali da ridurre alla fame oltre 75 milioni di persone nel mondo. E tutto ciò non perché nel Pianeta non vi fosse cibo a sufficienza, ma semplicemente perché costava troppo. Lo stesso è accaduto ad inizio 2011, quando il costo umano delle speculazioni del mercato alimentare è stato altissimo: 44 milioni di persone sprofondate nella povertà, secondo i dati della Banca mondiale”.
Di fronte a queste cifre diventa evidente che il cibo non può essere vittima di dinamiche speculative che lo riducono alla stregua di una merce qualsiasi da spostare sui mercati finanziari. “E dalla Ue, che pone la sicurezza alimentare tra gli obiettivi primari della futura Pac, i giovani imprenditori della Cia si aspettano misure concrete in questa direzione, perché -sostiene il presidente dell’Agia Luca Brunelli- il settore primario possa realmente contribuire allo sviluppo economico globale, con l’importante apporto dei giovani imprenditori, che saranno i reali interpreti di questi propositi”.
Al seminario di Valenzano sono intervenuti, inoltre, l’assessore alle Risorse agroalimentari della Puglia, Dario Stefàno, il presidente della Cia regionale Antonio Barile e il direttore dell’Istituto agronomico mediterraneo (Iam) di Bari, Cosimo Lacirignola. Si è trattato del terzo dei cinque appuntamenti organizzati dall’Agia che fanno parte della campagna di informazione sulla Pac finanziata dalla Dg Agri della Ue. Seguiranno gli incontri di Verona e Pescara e un meeting europeo previsto per la primavera del 2012 a Roma.
 
 
 

______________________________________
Settore Comunicazione e Immagine
CIA- Confederazione italiana agricoltori
Via Mariano Fortuny, n. 20
00196-ROMA
Tel. 06-3227008
Fax 06-3208364
E-mail: cia.informa@cia.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl