Benzina: i rincari "infiammano" i prezzi degli alimentari e fanno saltare i bilanci di serre e aziende agricole

Benzina: i rincari "infiammano" i prezzi degli alimentari e fanno saltare i bilanci di serre e aziende agricole.

Organizzazioni CIA
Argomenti economia, commercio, alimenti, agricoltura

03/gen/2012 12.56.45 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Benzina: i rincari “infiammano” i prezzi degli alimentari
e fanno saltare i bilanci di serre e aziende agricole
 
La Cia lancia l’allarme: oltre l’80 per cento delle merci (soprattutto frutta e verdura) viaggia, dal campo alla tavola, su gomma e gli effetti sulla spesa delle famiglie saranno pesantissimi. Per l’agricoltura l’aumento record del gasolio ha ormai assunto conseguenze devastanti. Occorrono subito agevolazioni, altrimenti migliaia di imprese rischiano di chiudere.
 
Il “caro-benzina” spinge all’insù i prezzi dei prodotti agro-alimentari (soprattutto frutta e verdura), che dal campo alla tavola viaggiano per oltre l’80 per cento su gomma, e mette a serio rischio il futuro di tantissime serre e aziende agricole, per molte delle quali si prospetta addirittura la chiusura. Solo nel 2011 le imprese del settore primario hanno sostenuto un costo aggiuntivo di oltre 2 miliardi di euro, proprio a causa dei continui aumenti dei carburanti, ormai arrivati a livelli record. A lanciare l’allarme è la Cia-Confederazione italiana agricoltori, preoccupata per un’escalation che avrà conseguenze devastanti per l’imprenditoria agricola, già costretta a sostenere gravosi oneri produttivi e contribuitivi con i provvedimenti contenuti nella manovra del governo Monti.
Il rincaro del gasolio agricolo (che ha superato abbondantemente un euro a litro) ha assunto dimensioni dirompenti non solo per le serre (dove c’è un utilizzo elevato del carburante), che in questi ultimi mesi hanno subito danni drammatici, ma anche per le altre aziende è profonda emergenza. Se la tendenza non si arresterà, per l’agricoltura -avverte la Cia- si prospetta un aggravio dei costi superiore ai 2,5 miliardi di euro nel 2012.
La Cia ricorda che la situazione per il settore agricolo si era fatta difficile fin dal novembre del 2009, quando furono abolite le agevolazioni (l’“accisa zero”) sull’acquisto di gasolio per le serre.
Per questo motivo, la Cia si appella al governo affinché provveda, nei confronti del settore primario, all’introduzione di una sorta di “bonus” produttivo sia per le serre che per tutte le aziende agricole, garantendo così costi meno onerosi. Altrimenti, si esce dal mercato, con pesanti riflessi sociali ed economiche
          Il problema del “caro carburante” si fa sentire pure sulle tavole. I prodotti agroalimentari -rimarca la Cia- rischiano di lievitare, visto che proprio il costo del trasporto incide per il 35-40 per cento sul prezzo finale. Un discorso che vale in particolare -sottolinea la Cia- per frutta e verdura che, essendo prodotti facilmente deperibili, hanno bisogno di essere subito trasportati presso i mercati e questo avviene ormai esclusivamente su gomma. Ma anche per tutti gli altri alimenti, dal latte ai formaggi, dalla carne alla pasta e al pane, l’effetto dei rincari petroliferi non sarà certo leggero. La spesa delle famiglie è così destinata a lievitare e questo si ripercuoterà sui consumi che già registrano una costante flessione.
 
 

______________________________________
Settore Comunicazione e Immagine
CIA- Confederazione italiana agricoltori
Via Mariano Fortuny, n. 20
00196-ROMA
Tel. 06-3227008
Fax 06-3208364
E-mail: cia.informa@cia.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl