Alimentare: il riconoscimento dell'Unesco alla dieta mediterranea va valorizzato con un marchio "ad hoc" sui prodotti

09/gen/2012 13.34.05 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Alimentare: il riconoscimento dell’Unesco alla dieta mediterranea va valorizzato con un marchio “ad hoc” sui prodotti

Secondo la Cia, bisogna evitare che il prestigioso titolo internazionale conferito nel 2010 resti sulla carta. Politi: necessaria una politica promozionale che parta dalla ricaduta economica legata al “brand” dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la cultura e la scienza.

        La dieta mediterranea è patrimonio dell’Unesco, ma questo non basta. È ora di tradurre in strategia di marketing il prestigioso risultato raggiunto nel novembre 2010 per dare ai prodotti coltivati sulle sponde del Mare Nostrum un ulteriore “sprint” commerciale. È essenziale, quindi, creare un marchio che contraddistingua tutti i cibi che fanno parte di questo straordinario regime alimentare, l’unico in grado di conciliare il piacere della buona tavola con la salute dell’organismo. Lo afferma la Cia-Confederazione italiana agricoltori.
         L’indiscussa reputazione garantita dal riconoscimento ricevuto va assolutamente valorizzata. Tanto più che una recente indagine della Iulm, la Libera Università di Lingue e Comunicazione di Milano, dimostra che il “brand” Unesco è in grado di portare uno straordinario valore aggiunto nella tutela del patrimonio culturale (88 per cento), nella promozione dei beni naturalistici (86 per cento) e in quella dei monumenti (84 per cento). Perché -sostiene la Cia- questa stessa efficacia non si potrebbe ottenere nella promozione di prodotti alimentari?
        Facendo la dieta mediterranea patrimonio immateriale dell'umanità, l'Unesco ha voluto riconoscere al nostro modello alimentare un valore nutrizionale ma anche sociale e culturale: uno stile di vita sostenibile basato su tradizioni agroalimentari e su valori culturali secolari, a cui generazioni di agricoltori lavorano da decenni per garantire qualità e salubrità. E’ un premio anche a quei territori e quelle coltivazioni che rischiano di essere dimenticati, vittime del processo di “omologazione sensoriale” a cui assistiamo da anni e che mina proprio l’estrema varietà della dieta mediterranea.
        Insomma -continua la Cia- dietro al riconoscimento dell’Unesco alla nostra dieta si nasconde il riconoscimento alla nostra agricoltura tipica e di qualità, che per il 50 per cento è diretta alla coltivazione di cereali, vino, ortofrutta e olio d’oliva, i principali ingredienti alla base di questo regime alimentare.
        “Per questo -afferma il presidente della Cia, Giuseppe Politi- è importante che il ministero delle Politiche agricole inserisca nel piano di comunicazione per il 2012 una campagna di promozione per la dieta mediterranea che faccia leva proprio sulla ricaduta economica di questo ‘brand’, individuando un marchio che sia compatibile con le regole dell’Unesco e che contribuisca al successo del made in Italy nel mondo, fornendo anche delle garanzie al consumatore dal punto di vista della tracciabilità del prodotto”.

______________________________________
Settore Comunicazione e Immagine
CIA- Confederazione italiana agricoltori
Via Mariano Fortuny, n. 20
00196-ROMA
Tel. 06-3227008
Fax 06-3208364
E-mail: cia.informa@cia.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl