Trasporti: il blocco in Sicilia mette in ginocchio l'agricoltura . Danni per milioni di euro

18/gen/2012 14.41.27 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Trasporti: il blocco in Sicilia mette in ginocchio l’agricoltura. Danni per milioni di euro
 
La Cia chiede alle istituzioni nazionali e regionali competenti un incontro immediato e interventi urgenti per fronteggiare la drammatica situazione.
 
        Il fermo degli autotrasportatori e il blocco della circolazione hanno messo in ginocchio l’intera economia agricola della Sicilia, con danni al settore per milioni di euro. Per questo la Cia-Confederazione italiana agricoltori ha chiesto ai ministri degli Interni e delle Politiche agricole, al governatore della Sicilia e all’assessore regionale all’Agricoltura un immediato incontro e interventi urgenti per garantire il diritto al trasporto dei prodotti ortofrutticoli e del latte, ma anche per evitare pericolose contrapposizioni tra produttori e autotrasportatori.
          La protesta degli autotrasportatori e di quanti si sono uniti alle loro iniziative, seppur comprensibile, non può essere condivisa -spiega la Cia- perché contribuisce a peggiorare le condizioni economiche di migliaia e migliaia di agricoltori, costretti a far marcire i prodotti nei campi e a buttare il latte dei propri allevamenti. La contestazione, purtroppo, ha già provocato danni ingenti al comparto e ai coltivatori vittime del fermo. Continuando così, le conseguenze negative non potranno che crescere in maniera esponenziale.
          La Cia riconosce il diritto alla protesta, ma allo stesso tempo non può riconoscere il diritto a danneggiare così profondamente gli agricoltori che, primi fra tutti, subiscono l’aumento dei listini dei carburanti. Un rialzo che grava pesantemente sulle voci di spesa delle imprese del settore, strette nella morsa dei costi produttivi e contributivi in continua ascesa e dei prezzi sul campo assolutamente non remunerativi.
          La Cia denuncia da tempo l’aggravarsi della crisi del tessuto produttivo siciliano, anche a causa del crollo della redditività delle produzioni agricole. La recente manovra del governo Monti ha ulteriormente esasperato la pressione fiscale sul già fragile sistema economico regionale, in particolare sul settore primario. L’assenza di interventi a sostegno della crescita e per lo sviluppo del Mezzogiorno, insieme alla sempre maggiore distanza della politica dai problemi reali delle famiglie e delle categorie produttive, sono la vera miccia che “accende” la rabbia e la disperazione che sono alla base di proteste come quella in Sicilia.

______________________________________
Settore Comunicazione e Immagine
CIA- Confederazione italiana agricoltori
Via Mariano Fortuny, n. 20
00196-ROMA
Tel. 06-3227008
Fax 06-3208364
E-mail: cia.informa@cia.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl