Terreni del demanio: oltre 50 mila giovani agricoltori interessati alla vendita. Bene l'impegno assunto dal ministro Catania

19/gen/2012 13.31.43 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Terreni del demanio: oltre 50 mila giovani agricoltori interessati
alla vendita. Bene l’impegno assunto dal ministro Catania
 
L’Agia-Cia ha chiesto un incontro con il responsabile delle Politiche agricole. E’ un’opportunità che va sfruttata nel migliore dei modi. La terra da coltivare deve andare ai veri produttori agricoli. Servono provvedimenti adeguati alle esigenze del mondo agricolo.
 
Sono oltre cinquantamila i giovani agricoltori che guardano con grande interesse alla vendita dei terreni agricoli da parte dell’Agenzia del demanio, come previsto dalla legge di stabilità del novembre scorso. Chiedono, però, chiarezza nelle modalità di assegnazione. Il rischio è che questi beni dello Stato (circa 350 mila ettari) finiscano nelle mani di speculatori e della criminalità organizzata. E certamente è positivo l’impegno assunto dal ministro delle Politiche agricole Mario Catania, che si sta attivando per rendere il provvedimento adeguato alle esigenze del mondo agricolo, come anticipato nel corso dell’incontro avuto nei giorni scorsi con i presidenti delle organizzazioni professionali.
In questo contesto s’inserisce la richiesta dell’Associazione giovani imprenditori agricoli (Agia) della Cia-Confederazione italiana agricoltori per un incontro in tempi brevi con il ministro.
In una lettera, il presidente dell’Agia Luca Brunelli ricorda, infatti, che i giovani della Cia “assegnano particolare importanza alla cessione dei terreni demaniali” e per questo sollecitano una valida azione.
Il ministro Catania si è, comunque, impegnato a riscrivere le regole già poste dalla legge di stabilità: abbassare la soglia del consentito ricorso alla trattativa privata, prevedere un significativo lasso di tempo (20 anni) per la conservazione della destinazione agricola dei terreni e, soprattutto, rendere periodica con cadenza annuale l’operazione di individuazione dei terreni.
Il provvedimento, d’altra parte, è stato da tempo sollecitato dalla Cia e dall’Agia proprio per rispondere alle esigenze dei tanti giovani agricoltori che hanno difficoltà ad acquistare terreni coltivabili. Attualmente il loro valore è elevato. Per un ettaro occorrono tra i 18 mila e i 20 mila euro. Quotazioni fra le più alte d’Europa e che rischiano di impedire soprattutto ai giovani di intraprendere o di proseguire l’attività agricola. Un problema sul quale ha inciso pesantemente l’effetto di investimenti immobiliari e finanziari e acquisti di puro carattere speculativo. Per non parlare di quanto incide l’azione delinquenziale della criminalità organizzata, sempre più interessata al business dell’agroalimentare.
“Ecco perché -come ha sostenuto in più occasioni il presidente della Cia Giuseppe Politi- occorre trovare le soluzioni più opportune che riportino equilibrio in un mercato, quello fondiario, sempre più convulso e dove, purtroppo, la speculazione può divenire un elemento determinante”.
La vendita dei terreni agricoli dello Stato, quindi, deve essere un’opportunità da sfruttare nel migliore dei modi per garantire -afferma l’Agia- ai giovani agricoltori i mezzi indispensabili per svolgere adeguatamente la loro attività imprenditoriale.
Oggi, peraltro, i giovani agricoltori trovano grandi difficoltà di ordine economico e burocratico nell’acquisire il bene-terra. Specialmente in questo momento di crisi, si trovano davanti a un credito che eroga risorse sempre più con il contagocce e a un’Amministrazione pubblica lenta e farraginosa che ostacola ogni iniziativa di carattere imprenditoriale.
I terreni del demanio si confermano, pertanto, un’occasione da non perdere. Ovviamente è necessario vigilare e, soprattutto, emanare misure chiare che permettano l’acquisizione della terra da coltivare agli agricoltori veri. La richiesta dell’Agia al ministro si muove in questa logica.

______________________________________
Settore Comunicazione e Immagine
CIA- Confederazione italiana agricoltori
Via Mariano Fortuny, n. 20
00196-ROMA
Tel. 06-3227008
Fax 06-3208364
E-mail: cia.informa@cia.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl