+++Sciopero tir, il governo intervenga subito. Scaffali vuoti e sui prezzi è già speculazione. Per gli agricoltori situazione ormai insostenibile+++

+++Sciopero tir, il governo intervenga subito.

Luoghi Italia, Sicilia, Calabria, Spagna, Maghreb
Organizzazioni CIA
Argomenti commercio, economia, agricoltura

24/gen/2012 13.30.53 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Sciopero tir, il governo intervenga subito. Scaffali vuoti e sui prezzi è già speculazione. Per gli agricoltori situazione ormai insostenibile
 
Secondo la Cia, non c’è più tempo da perdere: consentire di nuovo la libera circolazione delle merci e affrontare una volta per tutte il problema del “caro-carburante”, che si abbatte come un macigno su settori produttivi e famiglie.  
 
        Non si può andare oltre: il governo deve intervenire e rimuovere subito tutti i blocchi dei tir per consentire la libera e immediata circolazione delle merci. Questo prolungato sciopero degli autotrasportatori sta rischiando davvero di portare l’agricoltura al collasso, senza contare le conseguenze sui consumatori che oggi pagano il doppio del prezzo per comprare un chilo di zucchine. Lo afferma la Cia-Confederazione italiana agricoltori.
        I produttori non ce la fanno più. Non bastava la stangata della manovra, che con l’Imu sui terreni, sui fabbricati rurali e sui beni strumentali all'attività agricola si abbatte ben tre volte sulle aziende del settore. Non bastava neppure il “caro-gasolio”, che sta facendo esplodere i costi produttivi degli agricoltori, con un aumento del 150 per cento in due anni e un aggravio di spesa di 5mila euro ad impresa. Ora la protesta dei tir in tutt’Italia può paralizzare definitivamente il comparto, visto che nello Stivale 9 prodotti agroalimentari su 10 viaggiano su gomma per arrivare dal campo alla tavola.
        I danni al settore sono pesantissimi. Solamente in Sicilia -stima la Cia- il settore lattiero-caseario ha perso più di 4 milioni di euro a causa del mancato invio, alle centrali di trasformazione nel Catanese e in Calabria, di oltre 4 mila tonnellate di latte. E la situazione nel settore ortofrutticolo è ancora più grave: il blocco dei trasporti ha impedito la raccolta e la distribuzione di almeno 40 mila tonnellate di frutta e verdura, con mancati ricavi per quasi 60 milioni di euro. A cui però tocca aggiungere anche il danno commerciale legato alla perdita di commesse, a tutto vantaggio dei nostri competitor stranieri. Da quando è cominciata la protesta dei tir, infatti, le importazioni di ortaggi da paesi come Spagna e Maghreb sono già aumentate del 30 per cento.
        Ma i danni cominciano a sentirsi anche sul fronte delle famiglie -osserva la Cia-. Questo tipo di scioperi, riducendo le forniture e svuotando gli scaffali dei supermercati, porta inevitabilmente speculazioni sui prezzi al dettaglio: prima di tutto sui prodotti freschi come frutta, verdura, carne e latte che sono altamente deperibili. In questi giorni in Sicilia i consumatori hanno fatto i conti con prezzi in aumento del 10-15 per cento e nelle ultime ore si registrano rincari anche in molte altre parti d’Italia, con listini triplicati per zucchine, melanzane e verdura in genere.
        Ecco perché non si può più aspettare -conclude la Cia-. Ora bisogna interrompere il fermo degli autotrasportatori e risolvere una volta per tutte la questione “caro-carburante”, che penalizza tutti i settori produttivi, a partire dall’agricoltura, con conseguenze devastanti sui consumi delle famiglie italiane.    
 

______________________________________
Settore Comunicazione e Immagine
CIA- Confederazione italiana agricoltori
Via Mariano Fortuny, n. 20
00196-ROMA
Tel. 06-3227008
Fax 06-3208364
E-mail: cia.informa@cia.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl