Maltempo: per l'agroalimentare un danno da 500 milioni di euro. Migliaia di aziende agricole devastate. Dichiarare subito lo stato di calamità

Dichiarare subito lo stato di calamità La Cia chiede la sospensione immediata dei pagamenti relativi a mutui, tributi e contributi.

Organizzazioni Comunicazione, CIA
Argomenti agricoltura, economia

09/feb/2012 13.00.36 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Maltempo: per l’agroalimentare un danno da 500 milioni di euro. Migliaia di aziende agricole devastate. Dichiarare subito lo stato di calamità
 
La Cia chiede la sospensione immediata dei pagamenti relativi a mutui, tributi e contributi. Solo per l’agricoltura un “colpo” da 250 milioni di euro.
 
 
Danni per oltre 500 milioni di euro all’agroalimentare italiano (dal campo ai trasporti, al dettaglio), che rischiano di crescere ulteriormente viste le pessime previsioni del tempo dei prossimi giorni. Solo per il settore dell’agricoltura le conseguenze delle abbondanti nevicate e del gelo polare sono drammatiche. Un “colpo” da 250 milioni di euro, tra coltivazioni distrutte e merce deperibile non trasportata, aziende e strutture (serre, cascine, magazzini, stalle, macchinari) danneggiate, animali morti, terreni e strade di campagna devastati. E’ questo l’ultimo bilancio stilato dalla Cia-Confederazione italiana agricoltori che ha rinnovato l’invito per l’immediata dichiarazione dello stato di calamità naturale per le zone colpite.
Al momento, a causa dell’ancora difficile circolazione su strade e autostrade, -ricorda la Cia- si registra una diminuzione tra il 30 e il 40 per cento delle consegne dei prodotti deperibili (come verdure, ortaggi, frutta, latte, uova e carne) dalle imprese agricole ai mercati all’ingrosso e, con il peggiorare della situazione meteorologica, si preannuncia un ulteriore drastico taglio.
Tutta l’agricoltura italiana -avverte la Cia- vive, a causa degli effetti dell’eccezionale ondata di maltempo, una fase estremamente critica. Secondo un primo monitoraggio, sono più di 50 mila le aziende agricole che hanno subito danni, mentre oltre 5 mila ancora non riescono a svolgere la regolare attività.
I danni -rileva la Cia- sono ingenti. Per questo motivo è necessario che le autorità competenti si muovano al più presto nel dichiarare lo stato di calamità naturale. Il tutto per intervenire concretamente e in tempi rapidi a sostegno degli agricoltori, molti dei quali hanno perso gran parete del loro lavoro.
Intanto, è indispensabile -conclude la Cia- che per le aziende situate nelle zone agricole devastate dal maltempo vengano rinviati tutti i pagamenti, dai mutui ai tributi, ai contributi previdenziali.
 
 

______________________________________
Settore Comunicazione e Immagine
CIA- Confederazione italiana agricoltori
Via Mariano Fortuny, n. 20
00196-ROMA
Tel. 06-3227008
Fax 06-3208364
E-mail: cia.informa@cia.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl