Maltempo: a febbraio ogni famiglia spenderà 517 euro per la tavola, il 10% in più del budget mensile . Colpa dell'effetto "accaparramento" e delle speculazioni sui prezzi

Maltempo: a febbraio ogni famiglia spenderà 517 euro per la tavola, il 10% in più del budget mensile .

Luoghi Italia
Organizzazioni CIA
Argomenti economia, agricoltura, alimenti, commercio

10/feb/2012 13.19.50 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Maltempo: a febbraio ogni famiglia spenderà 517 euro per la tavola, il 10% in più del budget mensile. Colpa dell’effetto "accaparramento" e delle speculazioni sui prezzi      
 
Secondo la Cia, si tratta di una cifra destinata a salire ancora se il gelo polare continuerà a colpire il nostro Paese. L’agricoltura è già allo stremo e c’è molta paura per le nevicate del fine settimana. I danni al comparto ammontano già a 250 milioni di euro, il doppio se si considera l’intero agroalimentare “made in Italy”.
 
          Il maltempo fa lievitare la spesa delle famiglie italiane, non solo per il riscaldamento ma anche per la tavola. Così come il consumo di metano è cresciuto del 30 per cento nella prima settimana di febbraio rispetto allo stesso periodo del mese scorso, così il budget per il carrello alimentare è già lievitato del 10 per cento nel confronto con gli stessi giorni di gennaio. L’effetto “accaparramento”, insieme ai fenomeni speculativi sui prezzi di frutta e verdura, provocati dalle gelate nei campi e dalle difficoltà di distribuzione delle merci per i rallentamenti e i blocchi dei tir su strade e autostrade, hanno già portato a un esborso di 50 euro in più a famiglia rispetto allo scontrino mensile per cibo e bevande. Lo afferma la Cia-Confederazione italiana agricoltori.
          Considerato che la spesa per gli alimentari è pari mediamente a 467 euro al mese per nucleo familiare, vuol dire che gli italiani a febbraio ne spenderanno invece 517. Un aggravio già acquisito e destinato a salire ancora -prosegue la Cia- se neve e freddo polare continueranno a infuriare in tutt’Italia.
          Allo stesso modo -osserva la Cia- è destinata a crescere ancora anche la stima dei danni all’agricoltura. Il maltempo è finora costato al settore primario 250 milioni di euro, che diventano 500 se si considera l’intera filiera dell’agroalimentare italiano, dal campo ai trasporti al dettaglio. E il peggioramento delle condizioni meteo nel week-end preannuncia nuovi problemi e ulteriori spese per i produttori.
        Ad oggi sono ferme più di 50 mila aziende agricole e oltre 8 mila restano senza luce e gas. Inoltre -ricorda la Cia- il 30 per cento dei raccolti in campo aperto (cavoli, radicchio, carciofi, indivia e cicoria) è andato perso, completamente “bruciato” dal gelo. Poi vanno aggiunti i danni alle migliaia di strutture aziendali come serre, cascine, depositi, magazzini e stalle, danneggiate o crollate sotto il peso della neve. In più, ben il 5 per cento delle piante, tra alberi da frutta, olivi e viti, è stato distrutto, e sono già morti per il freddo eccessivo 10 mila animali, tra mucche, pecore, cavalli, maiali e polli. Infine c’è l’incremento “stellare” della bolletta energetica, visto che con le temperature siberiane, gli agricoltori devono ricorrere massicciamente al riscaldamento di serre e stalle.

______________________________________
Settore Comunicazione e Immagine
CIA- Confederazione italiana agricoltori
Via Mariano Fortuny, n. 20
00196-ROMA
Tel. 06-3227008
Fax 06-3208364
E-mail: cia.informa@cia.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl