San Valentino: il fiore resta il regalo piùgettonato , ma in due casi su tre è "straniero"

San Valentino: il fiore resta il regalo piùgettonato, ma in due casi su tre è "straniero".

Persone San Valentino
Luoghi Etiopia, Kenya, Colombia, Ecuador, Thailandia
Organizzazioni CIA
Argomenti commercio, economia

13/feb/2012 15.16.53 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
San Valentino: il fiore resta il regalo più gettonato, ma in due casi su tre è “straniero”
 
Secondo la Cia, domani verranno venduti circa 20 milioni di fiori, soprattutto rose, per una spesa totale di quasi 75 milioni di euro. Ma vinceranno gli esemplari d’importazione: colpa del maltempo che ha danneggiato le produzioni, ma soprattutto dei costi energetici esorbitanti per il riscaldamento delle serre. Che hanno spinto quest’anno molti nostri floricoltori a non coltivare d’inverno.
 
        Nonostante la crisi, gli italiani non perdono l’animo romantico. Così anche domani si preparano a celebrare San Valentino. Ma, complice anche il freddo e la neve, quest’anno ci saranno meno uscite al ristorante e più cene casalinghe, meno gioielli e più fiori. Perché le difficoltà economiche hanno drasticamente ridotto i presenti più costosi come collane e bracciali (scelti nel 16 per cento dei casi) e capi d’abbigliamento (11 per cento), a tutto vantaggio di cioccolatini (28 per cento) e soprattutto fiori (45 per cento). Che restano gli omaggi più gettonati dagli innamorati anche nel 2012. Lo afferma la Cia-Confederazione italiana agricoltori, sulla base di un sondaggio effettuato in occasione del 14 febbraio.
        Più di quattro italiani su dieci, insomma, domani regaleranno un fiore -spiega la Cia- per un totale di circa 20 milioni di esemplari, soprattutto rose (oltre 14 milioni, vale a dire il 70 per cento delle vendite floreali complessive), ma anche tulipani, gerbere, orchidee e lilium. Con una spesa al consumo che si avvicina ai 75 milioni di euro.
        Il vero rischio, però, è che a essere comprati domani saranno fiori “stranieri” in due casi su tre. Questo perché il costo del gasolio agricolo è arrivato a livelli insostenibili (+130 per cento in meno di due anni) -sottolinea la Cia- e molti floricoltori italiani hanno quindi scelto di non produrre o di limitare i “tagli” invernali, visti i rincari insopportabili della bolletta energetica per il riscaldamento delle serre. Il maltempo, poi, ha dato un’ulteriore batosta al settore, tra produzioni danneggiate e consegne rallentate dal blocco della circolazione stradale.
        La conseguenza è che aumentano a dismisura, soprattutto nelle occasioni festive come San Valentino, le importazioni “selvagge” da Paesi extracomunitari come Thailandia, Colombia, Etiopia, Ecuador e, per le rose, Kenia. Ma la qualità del ‘prodotto Italia’ -rimarca la Cia- va differenziata e valorizzata rispetto al prodotto importato, che ha prezzi inferiori sia perché gode dell’esenzione parziale o totale dei dazi, sia perché ha un costo della manodopera bassissimo, sia perché non è tenuto agli stessi obblighi sanitari (passaporto verde, gassificazione del prodotto) che hanno invece le merci europee quando vengono esportate oltre i confini comunitari.
        Tornando alla spesa floreale di San Valentino -aggiunge la Cia- per l'acquisto ci si rivolgerà principalmente al fioraio sotto casa (75 per cento), mentre il restante 25 per cento degli italiani comprerà i fiori ai mercati rionali o ai banchetti allestiti, per l’occasione, da ambulanti. La spesa media varia dai 3 ai 10 euro. Va molto il fiore reciso (88 per cento), meno le composizioni (35 per cento) e i cesti floreali (4 per cento), anche per colpa delle cifre elevate che in questi casi possono arrivare anche a 50 o 60 euro.
 

______________________________________
Settore Comunicazione e Immagine
CIA- Confederazione italiana agricoltori
Via Mariano Fortuny, n. 20
00196-ROMA
Tel. 06-3227008
Fax 06-3208364
E-mail: cia.informa@cia.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl