"Pacchetto latte": bene il voto del Parlamento europeo. Ora la programmazione produttiva va estesa a tutte le altre filiere

15/feb/2012 14.46.22 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
“Pacchetto latte”: bene il voto del Parlamento europeo. Ora la programmazione produttiva va estesa a tutte le altre filiere
 
La Cia: siamo in presenza di una riforma di grande rilevanza per il futuro dell’agroalimentare, anche in vista della nuova Pac. Apprezzamento per il lavoro svolto dal presidente della Commissione agricoltura dell’Assemblea di Strasburgo Paolo De Castro
 
 
E’ un risultato estremamente positivo. In questo modo si dà finalmente il via a un’effettiva programmazione produttiva che da oggi diventa una concreta realtà nell’Unione europea. Così la Cia-Confederazione italiana agricoltori commenta il voto con cui il Parlamento europeo ha approvato il cosiddetto “pacchetto latte”.
Siamo in presenza -evidenzia la Cia- di una riforma molto significativa che, grazie anche alla codecisione e al ruolo del Parlamento, ha apportato importanti modifiche al testo originario, tra cui la possibilità di gestire e programmare i volumi produttivi dei formaggi Dop. Un elemento che, soprattutto in un momento critico e di accentuata volatilità dei mercati, assume un valore altamente strategico.
E’, inoltre, importante -ribadisce la Cia- che venga data la possibilità di coinvolgere i rappresentanti del commercio nelle organizzazioni interprofessionali, per promuovere e consolidare rapporti positivi tra tutte le componenti della filiera.
Un risultato rilevante -afferma la Cia- per cui dobbiamo dare atto al lavoro svolto dal presidente della Commissione Agricoltura del Parlamento europeo, Paolo De Castro, che si è sempre impegnato con decisione affinché si varasse una riforma adeguata alle attuali esigenze dei produttori lattiero-caseari, in maniera anche da rispondere alla nuova Pac post 2013.
La Cia, nel ricordare di essere stata la prima organizzazione a richiedere la possibilità di intervenire nella programmazione produttiva, auspica che al più presto questa opportunità sia estesa a tutte le filiere agroalimentari. In questo senso il “pacchetto latte” è un formidabile “apri-pista”.
Più in generale la Cia ritiene che l’autogoverno dei produttori nell’ambito di corrette relazioni intersettoriali sia la strada maestra per regolare il mercato. Tutto ciò superando le vecchie logiche dei vincoli e delle quote, ma anche assicurando trasparenza e un’equa ripartizione del valore aggiunto nella filiera.
 
 
 
 

______________________________________
Settore Comunicazione e Immagine
CIA- Confederazione italiana agricoltori
Via Mariano Fortuny, n. 20
00196-ROMA
Tel. 06-3227008
Fax 06-3208364
E-mail: cia.informa@cia.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl