Biologico, in Italia è sempre "boom": crescono consumi e fatturato Il comparto "conquista" anche scuole e ristoranti

Biologico, in Italia è sempre "boom": crescono consumi e fatturato Il comparto "conquista" anche scuole e ristoranti.

Luoghi Italia, Europa, Stati Uniti d'America
Organizzazioni Unione Europea, CIA
Argomenti economia, commercio, agricoltura

21/feb/2012 14.40.37 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Biologico, in Italia è sempre “boom”: crescono consumi e fatturato
Il comparto “conquista” anche scuole e ristoranti 
 
Ora con l’accordo bilaterale tra Ue e Stati Uniti, si aprono per il nostro Paese nuove opportunità economiche, anche per le piccole e medie imprese agricole. Intesa storica sul fronte della trasparenza e della tracciabilità.
 
        Il biologico esce dalle mura domestiche e conquista nuovi spazi “pubblici”. Non è più solo una moda di pochi, ma un’abitudine di spesa sempre più condivisa, che dalle cucine “green” si allarga alla ristorazione e alle scuole. Nel 2011 infatti sono cresciuti i ristoranti con menù “bio” (più 24 per cento), ma anche gli agriturismi (più 11 per cento) e soprattutto le mense scolastiche (più 10 per cento). Lo afferma la Cia-Confederazione italiana agricoltori, commentando lo stato di buona salute di un comparto che cresce ininterrottamente dal 2006.
        Mentre sui consumi convenzionali grava tutto il peso della crisi, i prodotti biologici continuano a collezionare successi: lo scorso anno il settore ha segnato un incremento del 13 per cento, a fronte del calo del 2 per cento dell’alimentare “tradizionale”. Cifre che raccontano il successo crescente del comparto -spiega la Cia- e che rendono ancora più evidente l’importanza “storica” che l’accordo sul “bio” tra Europa e Stati Uniti riveste per il nostro Paese.
        Leader europeo nella produzione biologica, l’Italia da sola fa il 15 per cento del fatturato Ue e il 5 per cento di quello mondiale. Vale a dire -ricorda la Cia- più di 3 miliardi l’anno, una fetta significativa dei 20 miliardi che rappresentano il valore del comparto in Europa e dei 55 miliardi a livello mondiale .
        Ecco perché questo accordo di partenariato -continua la Cia- apre nuove grandi opportunità economiche al nostro Paese, facilitando l’accesso al mercato americano, visto che vengono eliminati ostacoli significativi, soprattutto per le piccole e medie imprese agricole. Infatti dal 1° giugno si potrà finalmente esportare in Usa senza più dover ottenere doppie certificazioni relative alle rispettive normative “bio” con un duplice onere su spese, ispezioni e pratiche. Questo significa -conclude la Cia- anche maggiore competitività nel settore e tracciabilità e trasparenza sui prodotti. A tutto vantaggio dei consumatori.

______________________________________
Settore Comunicazione e Immagine
CIA- Confederazione italiana agricoltori
Via Mariano Fortuny, n. 20
00196-ROMA
Tel. 06-3227008
Fax 06-3208364
E-mail: cia.informa@cia.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl