Il Comune di Tarquinia s’impegna per diminuire la concentrazione di arsenico nell’acqua

01/mar/2012 15.39.51 Dabel Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Il Comune realizzerà un progetto per diminuire la concentrazione di arsenico nell’acqua. Il sindaco Mauro Mazzola firmerà nei prossimi giorni un accordo con il primo cittadino di Civitavecchia, Gianni Moscherini, per finanziare e attuare il piano, basato su uno studio tecnico commissionato dal Consorzio Medio Tirreno. L’iniziativa si divide in due parti: nella prima il Consorzio Medio Tirreno aumenterà la portata d’acqua erogata alla città per assicurare una maggiore miscelazione con quella fornita dalla Società Talete, che presenta concentrazioni più alte (sebbene entro i limiti previsti attualmente dalla legge), e dai pozzi locali, che hanno tracce minime; nella seconda l’arsenico disciolto nell’acqua sarà estratto per adsorbimento con letti di idrossido di ferro installati all’interno di serbatoi di decantazione. «Stiamo lavorando con impegno per ottenere questo importante traguardo. – afferma il sindaco Mazzola – Il protocollo d’intesa con il Comune di Civitavecchia permetterà di entrare nella fase operativa». La soluzione proposta, miscelazione dell’acqua e adsorbimento con letti di idrossido di ferro, garantisce semplicità di gestione e manutenzione, bassi consumi energetici e convenienza economica. È per tali motivi che non si è scelto di acquistare i dearsenificatori: tali impianti sono infatti più costosi e i materiali, con cui sono costituiti i filtri, pongono alcuni interrogativi sullo smaltimento. «Il mio timore è che in futuro ci possa essere lo stesso problema avuto per l’eternit e il silicio dei pannelli fotovoltaici. – conclude il primo cittadino – La scelta fatta è semplice e sicura ed evita di compiere passi più lunghi della gamba».

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl