Pomodoro da industria: accordo deludente

9 marzo 2012 Pomodoro da industria: accordo deludente Secondo la Cia, il prezzo è inferiore a quello dello scorso anno e sono stati modificati i parametri merceologici e qualitativi, con forti penalizzazioni, anche per scostamenti minimi dai valori di riferimento.

Persone Deludente
Luoghi Italia del Nord, Sud, Parma
Organizzazioni CONFAPI, CIA
Argomenti economia, commercio, agricoltura, borsa

09/mar/2012 14.57.09 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
9 marzo 2012
 
Pomodoro da industria: accordo deludente
 
Secondo la Cia, il prezzo è inferiore a quello dello scorso anno e sono stati modificati i parametri merceologici e qualitativi, con forti penalizzazioni, anche per scostamenti minimi dai valori di riferimento. Riflessi negativi per gli agricoltori
 
Deludente l’accordo firmato a Parma tra le industrie aderenti a Confapi e le OP ortofrutticole del Nord Italia, per il pomodoro trasformato. Non solo il prezzo di riferimento (8,5 centesimi per chilo) è inferiore a quello dello scorso anno, ma sono stati modificati i parametri merceologici e qualitativi, con forti penalizzazioni, anche per scostamenti minimi dai valori di riferimento. In questo modo è alto il rischio di prezzi effettivi al di sotto dei costi di produzione. E’ quanto sottolinea la Cia-Confederazione italiana agricoltori.
I termini di questo accordo -afferma la Cia- sono la manifestazione delle forti difficoltà del settore, con il calo della domanda e la presenza di forti giacenze.
Le altre industrie del Nord, inoltre, quelle aderenti ad Aiipa, fanno proposte ancora peggiori di quelle di Confapi, e per il Sud -rileva la Cia- si tarda ad avviare trattative, anche perché molte industrie non hanno ancora saldato le spettanze agli agricoltori per il raccolto dello scorso anno (mancati pagamenti per 25/30 milioni di euro). A farne le spese sono sempre soprattutto gli agricoltori.
Questa situazione -aggiunge la Cia- è la dimostrazione di quanto affermato da tempo dalla Cia: la frammentazione del settore, senza un inquadramento interprofessionale nazionale, fondato su una quantificazione certa del prodotto, non giova a nessuno.
Quest’anno è evidente a molti che occorre un contenimento della superficie investita a pomodoro, ma sarebbe anche opportuno in sede interprofessionale -rimarca la Cia- definire strategie di qualità e di marketing per esplorare nuovi mercati e regole comuni per ridurre i costi e le inefficienze della filiera. Solo con questo quadro programmatico generale si possono, dopo, definire accordi sui prezzi, che ripaghino equamente tutte le componenti produttive della filiera, a partire dagli agricoltori.
E’ tardi, le semine incalzano, ma qualcosa -sostiene la Cia- si può ancora fare per recuperare parte del tempo perduto, almeno per una programmazione delle superfici da investire, che va operata a livello nazionale come, peraltro, sempre fatto prima della contrattazione di campagna, svolta nei due bacini produttivi del Nord e Sud Italia.
Ma più in generale, soprattutto in settori come questo, dove siamo leader mondiali, non possiamo continuare con politiche di piccolo cabotaggio, alla ricerca di piccoli vantaggi di posizione. E’ necessario, invece, sviluppare -conclude la Cia- una visione strategica comune, basata sulla differenziazione del prodotto e la valorizzazione dell’immagine italiana di qualità, oltre alla ricerca della massima efficienza nelle transazioni e nella logistica.

______________________________________
Settore Comunicazione e Immagine
CIA- Confederazione italiana agricoltori
Via Mariano Fortuny, n. 20
00196-ROMA
Tel. 06-3227008
Fax 06-3208364
E-mail: cia.informa@cia.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl