Fisco, sull'Imu agricola serve una sostanziale revisione. Il governo rispetti gli impegni presi con le organizzazioni di categoria

29/mar/2012 15.21.41 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Fisco, sull’Imu agricola serve una sostanziale revisione. Il governo rispetti gli impegni presi con le organizzazioni di categoria
 
Il presidente della Cia, Giuseppe Politi, commenta le indiscrezioni apparse sulla stampa relative ai possibili interventi in materia: le correzioni all’Imu sui fabbricati rurali e sui terreni agricoli sono irrisorie e non incisive. Nessuna delle nostre richieste, a partire dalla proroga al 2013, sono state accolte finora. Positivo l’emendamento presentato dalla senatrice Bertuzzi. Se necessario, pronti a mobilitarci.   
 
          Nelle indiscrezioni stampa sui possibili interventi di modifica dell’Imu agricola da inserire nel decreto sulle semplificazioni fiscali non c’è traccia della sostanziale revisione dell’applicazione dell’imposta chiesta a gran voce da tutto il mondo agricolo. Lo afferma Giuseppe Politi, presidente della Cia-Confederazione italiana agricoltori, spiegando che “la previsione di un’irrisoria riduzione dell’aliquota sui fabbricati strumentali (dallo 0,2% allo 0,175%) accompagnata da un assoggettamento a imposta dei fondi situati in zone collinari nella misura del 60%, che fino a ora erano esenti, non può certo risolvere i problemi del settore, penalizzato da una tassazione ingiusta che graverebbe su strumenti di lavoro”.
          “Da mesi le organizzazioni di categoria hanno dimostrato massima collaborazione con il Governo nei lavori svolti durante il tavolo fiscale -ha ricordato Politi- che si sono peraltro conclusi con precisi impegni da parte dell’esecutivo. Impegni che, evidentemente, non sono neanche lontanamente rispettati da questi interventi e che, peraltro, non considerano minimamente le posizioni espresse dal Parlamento”.
          “Le contro-stime presentate dalle organizzazioni di categoria sull’impatto dell’Imu sull’agricoltura -ha continuato il presidente della Cia- dimostrano un gettito ben maggiore di quello quantificato dal Mef. Ma, nell’assenza di dati certi sul numero dei fabbricati rurali, abbiamo richiesto con grande senso di responsabilità di rimandare le valutazioni di merito sull’eventuale tassazione dei fabbricati rurali all’anno 2013: entro tale data, infatti, tutti i fabbricati rurali dovranno essere censiti nel catasto fabbricati”.
        Inoltre, ha aggiunto Politi, “abbiamo chiesto la reintroduzione delle regole previste dall’Ici per la determinazione di una base imponibile agevolata sui terreni posseduti e condotti da CD e IAP iscritti alla previdenza  agricola e abbiamo suggerito l’introduzione di una maggiore differenziazione dei moltiplicatori in grado di ridurre l’Imu per i soggetti che operano professionalmente nel settore agricolo”.
        Purtroppo “nessuna di queste richieste, da quanto si apprende, sembra sia stata presa in considerazione”. E “la situazione che si è venuta a creare preoccupa notevolmente il settore agricolo -ha evidenziato il presidente della Cia- ed è necessaria una risposta del Governo”.
        In tal senso “è da valutare positivamente l’iniziativa della senatrice Bertuzzi, che ha presentato un emendamento con il quale è stato richiesto il rinvio della tassazione Imu al 2013 per i fabbricati strumentali (in modo tale da poter determinare con certezza le aliquote da applicare) assicurando comunque per il 2012 un gettito Imu sulla base di tariffe forfettarie -ha sottolineato Politi- ma con la garanzia di sostenibilità e perequazione”.
        Insomma, se le modifiche che si intendono apportare all’Imu agricola si fermano alla mini-riduzione per i capannoni agricoli e alle misure per le zone montane e collinari “noi ci dichiariamo profondamente delusi dal comportamento del Governo che -ha ammonito il presidente della Cia- in tale clima di incertezza di stima del gettito, invece di accogliere le nostre responsabili proposte di rinvio a un futuro peraltro imminente, continua ad accanirsi sul mondo agricolo minimizzando il gettito atteso da questo settore. Peraltro sulla base di stime che per evidenza dei fatti sono basate su semplici ipotesi e assunzioni”.
        Ecco perché, ha concluso Politi, “se le indiscrezioni degli organi di stampa si rivelassero le uniche correzioni che il Governo è disposto a concedere al settore primario in materia di Imu, noi ci riserviamo di mettere in atto nuove mobilitazioni di concerto con le altre organizzazioni di categoria”.

______________________________________
Settore Comunicazione e Immagine
CIA- Confederazione italiana agricoltori
Via Mariano Fortuny, n. 20
00196-ROMA
Tel. 06-3227008
Fax 06-3208364
E-mail: cia.informa@cia.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl