Imprese: anche le organizzazioni agricole al Tavolo di concertazione del Garante delle Pmi

13/apr/2012 12.37.33 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Imprese: anche le organizzazioni agricole al Tavolo di concertazione del Garante delle Pmi

 

Il presidente della Cia Giuseppe Politi scrive a Giuseppe Tripoli. Sempre più i temi della burocrazia, dell’accesso al credito, delle politiche del lavoro, dell’internazionalizzazione, parlano un linguaggio comune a tutte le piccole e medie imprese. Muoversi nello spirito della legge “Statuto dell’impresa”.

 

“Le piccole e medie imprese svolgono un ruolo di primo piano nel tessuto socio-economico del nostro Paese. Esse rappresentano una realtà vitale e produttiva che, se adeguatamente valorizzate, possono dare un contributo insostituibile al processo di sviluppo. Occorre, quindi, rivolgere verso queste strutture l’attenzione necessaria, con politiche che ne esaltino il valore e le risorse”. E’ quanto scrive il presidente della Cia-Confederazione italiana agricoltori Giuseppe Politi in una lettera inviata a Giuseppe Tripoli, Garante per le micro, piccole e medie imprese del ministero dello Sviluppo economico al quale chiede che anche le organizzazioni agricole facciano parte del previsto Tavolo di concertazione.
Nell’esprimere a Tripoli gli auguri di buon lavoro nel nuovo impegnativo ruolo, il presidente Politi afferma che “il Garante per le micro, piccole e medie imprese rappresenta una novità dalla quale possono derivare idee e concrete occasioni per favorire la crescita delle imprese agricole che hanno, nella piccola dimensione e nella conduzione a base familiare, uno dei caratteri distintivi”.
“Il Garante -scrive il presidente della Cia- vigila, infatti, sui processi di semplificazione, analizzando in via preventiva la regolamentazione sulle Pmi, monitorando le leggi regionali e segnalando al Parlamento e al Governo le iniziative che possono determinare oneri rilevanti per le imprese. Elabora e formula proposte, da sottoporre al Governo, per favorire lo sviluppo delle Pmi. L’intervento del Garante si rivolge all’universo intero delle Pmi, indipendentemente dai settori di appartenenza. Del resto, sempre più i temi della burocrazia, dell’accesso al credito, delle politiche del lavoro, dell’internazionalizzazione, parlano un linguaggio comune a tutte le Pmi.
Nella lettera, Politi rileva che “uno dei primi atti del Garante sarà l’insediamento del Tavolo di consultazione permanente delle associazioni di categoria maggiormente rappresentative del settore delle Pmi”. E nello spirito dei principi della legge “Statuto dell’impresa”, il presidente della Cia propone, appunto, a Tripoli “di considerare la necessità che le Organizzazioni professionali più rappresentative delle imprese agricole facciano parte del Tavolo di consultazione”.
“Il Tavolo, d’altronde, svolge -scrive Politi- la funzione di organo di partenariato delle politiche di sviluppo delle Pmi, in raccordo con le Regioni. Al fine di attivare un meccanismo di confronto e scambio permanente e regolare, le consultazioni si svolgono con regolarità e alle associazioni è riconosciuta la possibilità di presentare proposte e rappresentare istanze e criticità. Il Tavolo di consultazione, inoltre, è convocato per l’acquisizione di osservazioni e proposte in occasione della presentazione alle Camere del disegno di legge annuale per la tutela e lo sviluppo delle Pmi”.
Il presidente della Cia conclude la lettera a Tripoli ringraziandolo dell’attenzione e sottolineando che la Confederazione fornirà leale ed attiva collaborazione.
 
 
 

______________________________________
Settore Comunicazione e Immagine
CIA- Confederazione italiana agricoltori
Via Mariano Fortuny, n. 20
00196-ROMA
Tel. 06-3227008
Fax 06-3208364
E-mail: cia.informa@cia.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl