Lavoro: incomprensibile la mancata convocazione del settore agricolo al Tavolo governo-parti sociali. Sul ddl riserve e perplessità

17/apr/2012 12.24.48 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Lavoro: incomprensibile la mancata convocazione del settore agricolo al Tavolo governo-parti sociali. Sul ddl riserve e perplessità
 
La Cia esprime il suo parere sul provvedimento all’audizione in Senato. Dal negoziato escluso un mondo produttivo nel quale 200 mila imprese occupano un milione di lavoratori. E’ necessario che lo strumento dei voucher venga confermato e che le ipotesi legislative di un suo ampliamento nell’utilizzazione non configurino particolari rischi di destrutturazione del mercato del lavoro in agricoltura.
 
La scelta di non convocare il settore agricolo al Tavolo governo parti sociali sulla riforma del mercato del lavoro è dal punto di vista metodologico incomprensibile. Questo il parere della Cia-Confederazione italiana agricoltori espresso all’audizione della Commissione Lavoro del Senato sul ddl. 3249. Un settore di primo piano nel mondo produttivo, nel quale 200 mila imprese occupano un milione di lavoratori, non ha avuto l’opportunità di contribuire ad un passaggio cruciale per il rilancio del nostro Paese.
Nel merito del provvedimento la Cia ritiene che il ddl, nel confermare le attuali regole che sovrintendono il lavoro ed il sostegno al reddito in agricoltura, abbia correttamente interpretato le specifiche caratteristiche del lavoro degli operai agricoli, stagionale per definizione.
Tuttavia, con riferimento ai rapporti di lavoro degli impiegati e quadri agricoli, cui si applicano, invece, tutte le modifiche relative al contratto a termine, la Cia sottolinea che l’intervento legislativo (aumento del costo contributivo, durata massima del primo contratto ed intervallo fra contratti) sia particolarmente limitante, laddove, in un momento di grave crisi come l’attuale, il contratto a termine, seppure flessibile, costituisce pur sempre una forma di lavoro regolare e pienamente tutelata.
Altrettante perplessità la Cia manifesta in ordine alle modifiche sulle tipologie di lavoro autonomo, quali le collaborazioni a progetto e le partite Iva, ritenendo che la somma di presunzioni relative ed assolute possa rischiare di delineare un quadro di regole eccessivamente rigido e penalizzante dei genuini rapporti di lavoro autonomo.
Da ultimo sulle modifiche relative al regime dei voucher, la Cia giudica che tale tipologia di lavoro abbia dimostrato, nel tempo, di rappresentare uno strumento aggiuntivo a disposizione delle imprese agricole per gestire, in ipotesi limitate, situazioni che non rientrano negli schemi tipici del lavoro dipendente, bensì di quello occasionale. Il tutto offrendo indiscutibili vantaggi sia dal punto di vista della semplificazione degli adempimenti sia da quello delle tutele necessarie (contributive ed assicurative) al prestatore di lavoro.
La Cia ritiene, pertanto, necessario che tale strumento sia confermato e che le ipotesi legislative di un suo ampliamento nell’utilizzazione non configurino particolari rischi di destrutturazione del mercato del lavoro in agricoltura.
 
 

______________________________________
Settore Comunicazione e Immagine
CIA- Confederazione italiana agricoltori
Via Mariano Fortuny, n. 20
00196-ROMA
Tel. 06-3227008
Fax 06-3208364
E-mail: cia.informa@cia.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl