Centrale del latte di Roma: tenere conto del ruolo e dell'impegno degli allevatori

08/mag/2012 15.48.51 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Centrale del latte di Roma: tenere conto del ruolo e dell’impegno degli allevatori
 
Il presidente della Cia del Lazio Alessandro Salvatori sottolinea: le decisioni che il Comune di Roma è chiamato a prendere sul futuro dell’azienda devono valorizzare il lavoro e il contribuito dei produttori agricoli che operano da sempre nella direzione della qualità. Un aspetto questo che viene apprezzato dai consumatori della Capitale.
 
 
          “Gli allevatori devono svolgere un ruolo da protagonisti. Ogni iniziativa e ogni scelta che si intende effettuare deve tenere conto del lavoro primario e propulsivo svolto dai produttori agricoli, soprattutto in un settore strategico quale è il lattiero-caseario”. Così si è espresso il presidente della Cia-Confederazione italiana agricoltori del Lazio Alessandro Salvadori sul futuro della Centrale del latte di Roma che, in seguito alle decisioni del Tar del Lazio e del Consiglio di Stato, torna in mano al comune di Roma, dopo la privatizzazione nel 1998 con la vendita alla Cirio e poi alla Parmalat, ora acquista dalla Lactalis.
          “La Centrale del latte di Roma -ha evidenziato Salvadori- è un patrimonio della Capitale e dell’intero settore agro-alimentare romano. E’ un patrimonio che va salvaguardato e ulteriormente valorizzato, anche con l’azione e il contributo degli allevatori, che devono essere chiamati a svolgere una funzione di primo piano per il futuro dell’azienda”.
          “D’altronde -ha aggiunto il presidente della Cia del Lazio- i romani hanno dimostrato, attraverso i consumi, di apprezzare e preferire di gran lunga i prodotti della Centrale e, di conseguenza, la materia prima, il latte, frutto del lavoro e dell’impegno dei produttori, da sempre orientato alla qualità. E di ciò nelle decisioni che il comune di Roma è chiamato a prendere bisognerà tenere nella giusta considerazione”.
          “Non vogliamo certo entrare nel merito delle decisioni sul futuro della Centrale, chiediamo soltanto che -ha concluso il presidente Salvadori- agli allevatori, proprio per la funzione che da anni ricoprono, venga fornito un reale sostegno, assicurando loro un parte attiva e propositiva. Continueremo, comunque, a seguire con grande attenzione l’evolversi della vicenda. Nostro auspicio è che essa si possa chiudere al più presto e con benefici sia per i consumatori della Capitale che per gli stessi produttori agricoli”.
 

______________________________________
Settore Comunicazione e Immagine
CIA- Confederazione italiana agricoltori
Via Mariano Fortuny, n. 20
00196-ROMA
Tel. 06-3227008
Fax 06-3208364
E-mail: cia.informa@cia.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl